Wikipedia contro il diritto all’oblio

Wikipedia ,uno dei siti più popolari al mondo ,si scaglia contro il diritto all’oblio. La norma consente ai cittadini europei di essere ‘dimenticati’ nel web, attraverso la rimozione forzata di vecchie notizie. Pare che il sito abbia ricevuto , nel giro di poche ore , più di 50 richieste per rimuovere link.
Per Lila Tretikov, direttore esecutivo della Wikimedia Foundation, ciò porterebbe a una rete “crivellata di buchi di memoria”.
Nel sito italiano, la richiesta di rimozione riguarda soprattutto le notizie relative al criminale italiano Renato Vallanzasca e alla sua Banda della Comasina.
Tretikov sostiene che ” i risultati di ricerca stanno man mano scomparendo senza nessuna spiegazione pubblica, nessuna prova reale, nessun controllo giurisdizionale e nessun processo d’appello”. Ciò porta a un luogo in cui le informazioni scomode semplicemente vengono cancellate .
Wales, alla conferenza annuale Wikimania tenutasi a Londra , ha sostenuto che ”La storia è un diritto umano, e una delle cose peggiori che una persona può fare è tentare di usare la forza per metterne a tacere un’altra. Sto sotto i riflettori da un bel po ‘di tempo. Alcune persone dicono cose buone e alcune persone dicono cose cattive. Questa è storia e non userei mai un procedimento legale come questo per cercare di nascondere la verità. Credo che ciò sia profondamente immorale”.