E’ stato spostato da venerdì 21 a martedì 25 giugno il tavolo di crisi su Whirlpool. La decisione è stata presa dal ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, così da avere più tempo per un colloquio con i vertici di Whirlpool Emea,

In reazione, gli operai hanno manifestato fuori dalla fabbrica, bloccando il traffico di via Argine e cantando slogan. La notizia della volontà del ministro di parlare di persona coi vertici dell’azienda in un colloquio riservato segue la notizia, lanciata il 15 giugno dal sito americano “Politico”, secondo cui il 19 aprile scorso il ministro avrebbe appreso da una lettera della decisione della multinazionale di disimpegnarsi dal sito napoletano. Notizia avvalorata da un articolo del Sole 24 Ore del 17 giugno. Interrogandosi sulla gestione delle informazioni su due dossier importanti per l’industria italiana, uno sul caso ArcelorMittal di Taranto e l’altro sul caso Whirlpool di Napoli, fonti interne confermano al giornale degli industriali che la multinazionale avrebbe consegnato agli uffici del Mise che gestiscono le crisi aziendali, una sintesi del business plan di un investitore, interessato a subentrare a Whirlpool. Sempre ad aprile, questo business plan sarebbe stato al centro di tre incontri al Mise, mentre saltò l’incontro chiesto dai sindacati come aggiornamento sullo stato dei lavori dell’accordo Mise-Whirlpool del 25 ottobre.

La Uilm Campania, in un comunicato del segretario, Antonio Accurso, auspica che “dopo l’eccessiva fretta con cui volevano accantonare gli accordi e gli impegni del 25 ottobre scorso, ogni momento di riflessione in più possa concorrere a recuperare una strada di confronto e non di scontro“.

Questa sera dalle ore 19.00, invece, il vicesindaco Enrico Panini, e l’assessore al Lavoro, Enrica Buonanno, hanno organizzato una festa di solidarietà per i lavoratori e le famiglie coinvolte nella vertenza. Il Pizzavillage dimostra la propria solidarietà ai metalmeccanici di via Argine, offrendo loro la pizza in una serata allietata da uno spettacolo d’animazione, finalizzata a far sentire la vicinanza della città. Nella nota del comune, si legge che “l’iniziativa rappresenta un momento ludico utile a tenere accesa l’attenzione su una vicenda da cui dipende il destino di centinaia di famiglie napoletane. Ringraziamo le organizzazioni sindacali per il supporto e gli organizzatori del Pizzavillage per aver dimostrato tutta la propria vicinanza e solidarietà nei confronti di un settore, quello dei metalmeccanici, in forte difficoltà in questo momento nella nostra città”.