Sono scesi nuovamente in piazza per manifestare, ieri, i lavoratori Whirplool di Napoli, intanto il 29 gennaio al Mise è previsto un tavolo di negoziazione.  L’azienda ed il governo – afferma il segretario generale della Uilm-Campania, Vincenzo Accursodevono dare conto del tempo che si sono presi per trovare una soluzione. Auspichiamo che Patuanelli continui il suo incarico ministeriale e al tavolo del 29 sia presente per difendere il nostro posto di lavoro. Dopo 8 mesi i lavoratori esigono risposte, in particolare sulle lavatrici top di gamma, fabbricate in Cina ed in vendita in Italia ed Europa, che dovrebbero essere prodotte solo dal sito di Napoli, secondo gli accordi firmati ad ottobre 2018″.

“I lavoratori hanno nuovamente manifestato all’esterno dello stabilimento di via Argine per tenere alta l’attenzione sulla vertenza in vista della ripresa del tavolo negoziale del 29 gennaio al Ministero dello Sviluppo Economico ­- ha dichiarato Massimiliano Guglielmi della Fiom Cgil Campania -. Whirlpool continua a mantenere le posizioni assunte a maggio scorso. Noi invece chiediamo che l’azienda rispetti gli accordi e la manifestazione di oggi va inquadrata nel percorso più generale di mobilitazione che vedrà i lavoratori a Roma nel giorno dell’incontro tra Governo, sindacati ed azienda”.  

I dipendenti hanno sfilato, da via Argine a Ponticelli, sotto lo slogan: “Lasciateci passare”.

A proposito dell'autore

Post correlati