Sabato 15 agosto- ore 10:30

La Napoli del Rinascimento

La chiesa di Sant’Anna dei Lombardi con la cripta degli abati

La visita riguarderà la chiesa di Sant’Anna dei Lombardi, detta anche di Santa Maria di Monteoliveto, uno dei simboli del Rinascimento toscano a Napoli. Fondata nel 1411 da Gurello Origlia, protonotario del re Ladislao di Durazzo, fu affidata ai padri olivetani e sottoposta
a radicali lavori di ampliamento nel periodo Aragonese. Ulteriori trasformazioni si ebbero nel XVII e XVIII secolo, quando la struttura fu
affidata all’Arciconfraternita dei Lombardi. La chiesa, con le sue cappelle e le opere custodite all’interno,   testimonia lo stretto
legame tra la città e la Toscana, dimostrando che già a quei tempi si era insediata a Napoli una fitta “colonia” fiorentina di mercanti, artigiani e banchieri. Degne di nota, inoltre, il celebre gruppo in terracotta del Compianto di Cristo di Guido Mazzoni (1492), formato da otto statue a grandezza naturale che, secondo la tradizione, rappresenterebbero proprio i sovrani aragonesi e la Sagrestia Vecchia, già refettorio, splendido ambiente con volte affrescate N 1544 da Giorgio Vasari. La visita costituirà anche l’occasione per visitare la Cripta degli abati, al di sotto dell’altare maggiore della chiesa, un ambiente ellittico, al quale si accede attraverso una bella scala a doppia rampa. Qui sono ancora visibili una serie di scolatoi per accogliere i corpi degli abati e dei personaggi illustri giunti nella Cripta nel corso dei secoli, degli affascinanti affreschi raffiguranti una foresta sacra e la scena del calvario e le teche di vetro contenenti ossa ed i teschi.

Programma

10:30 – Raduno partecipanti presso ingresso chiesa di Sant’Anna dei Lombardi, piazza Monteoliveto – Napoli

12:30 – Fine della visita guidata

E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale. Si raccomanda ai
partecipanti di tenere almeno 1 mt. di distanza reciproca lungo il percorso.

Info e prenotazioni 3922863436 – cultura@sirecoop.it


Domenica 16 agosto – ore 10:00

Munastero ‘e Santa Chiara 

La chiesa, il chiostro, le terme romane ed il museo dell’opera

La visita guidata riguarderà uno dei più grandi complessi monastici della città di Napoli, che si snoda all’interno della cittadella francescana. Dal XIV sec. la sua imponenza e la sua bellezza affascinano tutti coloro che vi si imbattono. Il Complesso Monumentale di S. Chiara
fu innalzato dal 1310 al 1328 per volere del monarca Roberto D’Angiò e di sua moglie Sancia di Maiorca. I sovrani, entrambi devoti a San Francesco di Assisi e a Santa Chiara, vollero costruire una cittadella francescana che accogliesse nel monastero le Clarisse e nel convento
adiacente i Frati Minori. Oggi visitarlo significa ammirare la magnifica basilica, dove Giotto operò con la sua maestria, attraversarne la storia con il Museo dell’Opera e l’Area Archeologica, restare stupiti dal bellissimo Chiostro Maiolicato e soffermarsi nella contemplazione
della Sala del Presepe del ‘700.  Compreso all’interno del monastero è anche il complesso termale costituito da diversi ambienti termali e
rappresenta tuttora il più completo esempio di thermae documentato a Neapolis.

Programma

10:00 Appuntamento con gli operatori Sire Coop presso l’ingresso della
Chiesa di Santa Chiara – Napoli

12:00 Conclusione delle attività

E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale. Si raccomanda ai
partecipanti di tenere almeno 1 mt. di distanza reciproca lungo il percorso.

Info e prenotazioni 3922863436 – cultura@sirecoop.it


Domenica 16 agosto – ore 18:00

Il Petraio: panorami tra i gradini Passeggiata in discesa dal Vomero a Chiaia

La Cooperativa Sire vi accompagnerà lungo la discesa del Petraio, un percorso pieno di scorci suggestivi e di angoli pieni di fascino che
scende dal Vomero fino al Corso Vittorio Emanuele, seguendo il corso di un antico alveo torrentizio che attraversava dalla collina. L’itinerario si snoda attraverso un “borgo” dove in un’atmosfera
sospesa si alternano macchie di verde, portici e improvvisi squarci di panorama. Dopo essere arrivati al corso Vittorio Emanuele, si
continuerà a scendere attraverso uno dei percorsi di Chiaia, per conoscere altri luoghi spesso meno battuti ma che conservano la memoria
di altri tempi, come la zona di San Carlo alle Mortelle. Il percorso si concluderà a via Filangieri, all’altezza di un capolavoro dell’architettura di inizio Novecento, palazzo Mannajuolo.

Programma

ore 18:00 Appuntamento con gli operatori SIRE Coop presso l’uscita Morghen della funicolare di Montesanto (è l’ultima fermata) Durata due ore circa

Info e prenotazioni 3922863436 – cultura@sirecoop.it