Si terrà domani mattina presso l’Auditorium del Liceo Scientifico F. Severi di Castellammare di Stabia,la conferenza dal titolo “Dove c’è violenza non c’è amore”, per formare le giovani generazioni alla cultura della non violenza. Nella nostra regione i dati sul fenomeno sono allarmati: 1258 richieste di aiuto registrate nel 2019, mentre a livello nazionale si è verificato un aumento del fenomeno del 3% dal 2016 al 2019 secondo i dati della Polizia di Stato.

L’evento di domani è organizzato dalla psicologa clinica e forense responsabile della sede campana dell’Osservatorio Violenza e Suicidio Marianna Trojano, ed è promosso da Rotary e-Club Due Golfi del Distretto 2100 con il gratuito patrocinio dell’Osservatorio Violenza e Suicidio. Tanti gli interventi di psicologi e avvocati per trattare il tema dal punto di vista patologico e legale.

‘’Viviamo in una società pervasa dalla violenza di genere che sia fisica, psicologica o nella subdola forma della discriminazione – spiega la psicoterapeuta Marianna Trojano. La conferenza vuole ricordare ai ragazzi da dove nasce e come si evolvono gli episodi di violenza di genere e vuole prevenire il fenomeno attraverso un’educazione all’informazione, aggiornandoli sulle recenti riforme legislative in materia e cercando di offrire loro gli strumenti per carpire i cosiddetti “segnali d’allarme”, al fine di evitare di restare intrappolati in una possibile spirale della violenza da cui sarebbe difficile uscirne senza l’adeguato supporto multidisciplinare di professionisti in materia, dagli psicologi, agli avvocati, alle forze dell’ordine. L’obiettivo del convegno è quello di sensibilizzare i ragazzi ad essere più consapevoli delle loro azioni, e a stabilire rapporti più empatici ed autentici, superando gli stereotipi di genere e rispettando le persone con cui entrano in relazione attraverso un linguaggio che sia scevro da pregiudizi, condizionamenti e mortificazioni.”