Giornata mondiale contro la violenza sulle donne: la città di Napoli da nove anni si costituisce parte civile in ogni processo di femminicidio. La violenza si sconfigge con l’amore, il diritto, l’uguaglianza, la dignità, il rispetto. Nel chiuso della pandemia la violenza cresce”. Così, in un tweet, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris.

Istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1999, la giornata contro la violenza sulle donne, ricorre oggi 25 novembre. Una data scelta per ricordare quanto avvenne nel 1960 nella Repubblica Dominicana, dove furono uccise le tre sorelle Mirabal, attiviste politiche, per ordine del dittatore Trujillo.

Un pensiero a questa giornata è stato espresso anche dal senatore Sandro Ruotolo, che intervenuto sul tema ha voluto ricordare il dramma di Gelsomina Verde. “No Alla Violenza Sulle Donne – ha scritto su Twitter Ruotolo – Lei è Gelsomina Verde e ho scelto il suo volto per ricordare questa giornata. Gelsomina Verde fu uccisa nel 2004 a Napoli. Sequestrata, torturata e bruciata. Dagli uomini della camorra. Siano maledetti gli uomini che uccidono le donne”.