L’incontro con l’autore, un reading, la musica e due location sono gli ingredienti del secondo appuntamento dei “Concerti d’Estate di Villa Guariglia in tour”. Mercoledì 10 luglio – ingresso gratuito, s’inizia alle ore 20 con la sezione “Preludio Noir”, realizzata con l’Associazione Amici della Fondazione Menna, e la presentazione dell’ultimo libro di Piera Carlomagno “Una favolosa estate di morte” edito da Rizzoli. Il reading dell’autrice sarà accompagnato dalle note musicali di Domenico Andria e di Stefano Giuliano. L’evento si svolgerà negli spazi della Fondazione Menna (via Lungomare Trieste, 13).

IL LIBRO. Accadono fatti terribili nella terra di mezzo tra Matera e Potenza, frontiera selvaggia che si ripiega su se stessa come le ripide gole che la solcano. E così una notte di giugno, nei calanchi vicino Pisticci, un uomo e una donna vengono assassinati brutalmente. Lui è Sante Bruno, architetto con entrature che contano. Lei, Floriana Montemurro, una ragazza bellissima, figlia di un potente notabile. II duplice omicidio scuote la monotonia di una provincia in cui il pettegolezzo vola di bocca in, bocca e le lingue sono affilate come rasoi. Indagare sul caso tocca a Loris Ferrara magistrato in crisi che vuol rifarsi una vita, e all’anatomopatologa Viola Guarino.

A seguire, alle ore 21, nell’Area Archeologica di Fratte, ci sarà il concerto della St. Benedict’s School Youth Big Band, Choir and Percussion Ensemble, diretta da Christopher Eastwood. L’ingresso è gratuito. La formazione, che arriva direttamente da Londra, riceverà il premio alla memoria “Emidio Cecchini”. Un riconoscimento, che è occasione per ricordare il compianto presidente di Acli Arte e Spettacolo, scomparso prematuramente. La big band proporrà una scaletta eterogenea. Sarà il coro a cominciare con “Where Do I Begin?” un brano musicale pubblicato nel 1970, composto dal musicista francese Francis Lai.  Si passerà, quindi a California Dreaming, di The Mamas & The Papas e poi ancora “Always there” degli Incognito. Domani sera si ascolterà anche “Typewriter”, “Blue Monday”, “Thriller” di Michael Jackson, “Soul bossa nova” di Quincy Jones e “Superstition” di Stevie Wonder, giusto per citare alcune dei brani previsti in scaletta. Il coro e la big band band della St Benedict’s School è formata da 63 musicisti con età compresa tra i 15 e 18 anni, accompagnati da 8 musicisti adulti professionisti.

I giovani strumentisti bisseranno il concerto l’11 luglio (ingresso gratuito) nella splendida cornice del Porto di Cetara e il 12 luglio nella piazza di Aquara (ingresso gratuito).