Martedì 12 novembre alle ore 17:00, presso il Centro Culturale C.a.T. a Vietri Sul Mare in Via Ospizio, 3, si terrà la presentazione del libro “Incontri di arti applicate – Ricerca in ceramica, disegni e illustrazione” di Giorgio Napolitano e Maria Grazia Gargiulo (ed. Fioranna). Il volume dopo l’introduzione Ai bordi della Rosa, è suddiviso in quattro studi con tempo cronologico che trattano i primi decenni del Novecento. Il primo Dal Dada al Bauhaus. Hugo Ball, Emmy ed Annemarie Hennings a Vietri sul Mare, è relativo al Dadaismo da essi fondato e alla loro presenza a Vietri sul Mare tra il 1925 e 1926 in un momento significativo del loro lavoro letterario. Il secondo, Nuovi orientamenti della ceramica vietrese del Novecento, traccia in relazione a nuovi studi ed acquisizioni, una diversa valutazione critica del periodo e dei suoi interpreti. Il lavoro Archetipi di un ‘immaginario’ cinematografico e teatrale. Aggiunte al ceramista Sandro Vacchetti ha come protagonista il brillante Sandro Vacchetti, la sua cultura dell’immagine, la sua versatilità, l’originale genesi delle sue ceramiche. Infine Melkiorre Melis. L’arte dell’illustrazione e del codice artigianale. Sei inedite copertine del 1927, è l’analisi di sei illustrazioni di Melis per le copertine della rara rassegna di artigianato Piccole industrie per mettere in rilievo la sua ricercata grafica e seguire quelli che furono, intorno alla metà degli anni 20 del Novecento, i criteri evolutivi della iconografia del tempo. L’incontro verrà presentato da Mara D’Arienzo, presidente del Centro Culturale C.a.T e moderato da Antonio Dura, direttore del magazine Puracultura. Giorgio Napolitano è attento studioso della ceramica italiana, il cui impegno principale è orientato alla divulgazione della maiolica napoletana del Novecento, la coeva produzione ceramica di Vietri sul Mare e di Seminara Calabra; ha al proprio attivo numerosi volumi su queste tematiche. Maria Grazia Gargiulo è docente di Storia delle arti applicate all’Accademia di belle Arti di Napoli e studiosa e collezionista di ceramiche italiane.

Ingresso libero