Firmiamo oggi il protocollo con l’Azienda ospedaliera dei Colli, si tratta di monitorare il paziente long Covid per i quali rimangono alcuni effetti e provare a gestirli“. Lo ha detto Gennaro Sosto, Direttore Generale Asl Napoli 3 Sud, intervenendo nella trasmissione Barba&Capelli condotta da Corrado Gabriele su Radio Crc Targato Italia.

Poi ha aggiunto: “Gli anticorpi monoclonali danno risultati importanti su pazienti positivi al Covid a cui il livello della malattia non è grave tanto da fare un ricovero e quindi possiamo fare l’assistenza domiciliare. Bisogna contattare il medico di base che individua il paziente e ce lo segnala, a quel punto le nostre squadre partono con una verifica sul campo e viene monitorato successivamente su come sta andando la terapia“.

Sull’estensione del territorio per organizzare il piano vaccinale Sosto ha sottolineato: “E’ uno dei tasti dolenti per l’organizzazione logistica dei vaccini. Stiamo cercando di essere capillari con più centri. Essere vicini ci permette di essere flessibili e performanti. Un altro problema è il paziente a domicilio perché prevede un allungamento dei tempi, oggi siamo a 30 squadre”.

E ha proseguito: “Le vaccinazioni over 60 senza prenotazioni sono una sperimentazione con Asl Napoli 2 Nord, questa fascia d’età non ha adesione elevatissima. Se gli esiti sono positivi allargheremo anche ad altre aziende“.

Infine il dirigente ha concluso con le preoccupazioni sulle scuole riaperte: “Con il raggiungimento di tutte le Rsa dove risiedono gli ultra 75enni è stato centrato l’obiettivo, per gli operatori e per gli ospiti. La scuola è una delle preoccupazioni, abbiamo anche un certo numero dei focolai scolastici e con la riapertura dobbiamo essere performanti anche sulla prevenzione. Per i docenti siamo arrivati al 90% degli aderenti“.