Salute e sostenibilità hanno condizionato le scelte dei consumatori negli ultimi anni. Per le aziende l’impatto dei processi produttivi è di interesse sia per la salvaguardia ambientale del pianeta sia per le prospettive di vendita.

Negli Stati Uniti il settore agricolo è responsabile del consumo del’80% dell’acqua potabile disponibile e diverse regioni agricole come la California soffrono di carenza idrica. Si è deciso di ricorrere anche se limitatamente allo sfruttamento delle acque di riuso per l’irrigazione, ma ciò ha portato ha un risultato diverso. La maggior parte dei consumatori di vino non sono disponibili ad acquistare se sono a conoscenza dell’utilizzo delle acque reflue trattate per l’irrigazione dei vigneti.

La rivista Ecological Economics ha pubblicato i risultati del sondaggio che ha coinvolto 300 bevitori di vino, anche italiani. I partecipanti a cui sono stat proposti una selezione di vini francesi e californiani, sono stati suddivisi in 4 gruppi. Al primo gruppo sono state fornite solo informazioni circa la regione di produzione; al secondo gruppo sono state date anche notizie in merito all’utilizzo delle acque di riciclo usate per l’irrigazione dei vigneti, ma senza dare informazioni sul benefit ambientale, al terzo gruppo sono state date invece le informazioni anche sull’impatto ambienta. Al quarto gruppo invece sono state date informazioni precise su tutto il processo.

Il risultato, definito inaspettato, dai ricercatori ha fornito un dato importante: i consumatori preferiscono non conoscere le caratteristiche dell’acqua utilizzata per l’irrigazione. Sebbene l’uso di acque reflue ha un impatto positivo sull’ambiente sembra non lo abbia sulla propensione all’acquisto dei vini da parte dei consumatori.

Romina Sodano

A proposito dell'autore

Romina Sodano

Esperta enogastronomica, docente, pubblicista, conduttrice, video reporter, sommelier e assaggiatrice ONAF. Titoli professionali conseguiti a Roma, Verona e Milano, in pasticceria, panificazione, lievitazione e cioccolateria . Laurea in Economia Aziendale e gestione delle imprese, innamorata del Marketing. Project Manager Adaline Agency. Delegata Campania della FIMAR (Federazione Italiana Management della Ristorazione). Responsabile Campania della Guida Mangia e Bevi. CEO di Le stanze della cultura S.a.s di Romina Sodano & Co. "Sono una ribellione alla statistica, i numeri non possono definirmi e la letteratura non osa raccontarmi." La mia passione? La natura che fa il suo corso. Il territorio ci identifica in ciò che siamo!

Post correlati