Un’odissea lunga due secoli: i marmi del Partenone 9° puntata

a cura di Giorgio Manusakis

…TEE nr.2283 del 16/02/2004 – L’organo ufficiale degli architetti ed ingegneri greci, partendo dalla XVI conferenza mondiale dell’UNESCO tenutasi a Santiago del Cile e avente come tema l’architettura per l’istruzione del futuro, critica la costruzione del nuovo museo dell’Acropoli, in particolare per la posizione in cui dovrebbe essere costruito, difatti il luogo è ricco di interessi archeologici. In particolare, trattando la questione del ritorno dei marmi del Partenone, il TEE sostiene che il nuovo museo, che nelle intenzioni dei progettisti dovrebbe ospitare i fregi, sarebbe inutile proprio in tal senso dal momento che il luogo migliore dove conservarli sarebbe quello di origine, anche per motivi statici. “Per quanto riguarda la costruzione del Nuovo Museo dell’Acropoli di Atene e il ritorno dei reperti architettonici del Partenone, l’ICOMOS (l’organizzazione che riunisce i musei del mondo) sottolinea che è stata riformulata la richiesta per il ritorno dei reperti archeologici in Grecia, per la conservazione dei quali sarà eretto il Nuovo Museo. Ma la realtà della Comunità Europea, con la creazione della moneta unica e di una Costituzione unica, attenua la necessità di un museo di “interesse nazionale” e giustifica l’esposizione di reperti archeologici in qualsiasi museo.

Ricollocazione dei marmi sull’Acropoli

“Si associ il ritorno dei Marmi del Partenone con la ricollocazione degli stessi sul monumento” è sottolineato nella votazione. Oggi tutti i documenti internazionali accettano e impongono il restauro dei monumenti con il riutilizzo dei pezzi originali. I problemi che provoca l’inquinamento atmosferico – in generale ai monumenti e più in particolare ai marmi – con il noto procedimento di “solfatazione”, non possono essere un ostacolo per il giusto restauro del monumento! La costruzione del Nuovo Museo dell’Acropoli di Atene costituisce l’alibi all’insufficienza dello Stato verso la depurazione dell’atmosfera di Atene, per il bene dei monumenti e dei cittadini.” 10/03/2004 – Il consiglio comunale della città di Liverpool, con 37 voti a favore e 4 contrari, ha adottato una votazione con cui invita il governo britannico a restituire alla Grecia i marmi del Partenone. La collocazione di questa iniziativa del comune di Liverpool, assume un significato particolare dal momento che questa città sarà la prossima capitale politica europea. Questa votazione riflette l’idea dell’opinione pubblica britannica che, come dimostrano gli ultimi sondaggi demoscopici effettuati, per l’81% è a favore della restituzione dei marmi del Partenone. Sembra ovvio che la posizione presa dal consiglio comunale di Liverpool circa i marmi del Partenone, sarà adottata anche da altri comuni inglesi, circostanza che inevitabilmente intensificherà le pressioni sulla direzione del British Museum. (Fonte: www.flash.gr)
ANSA del 24/03/2004 h.10:04 – ATENE 2004: PARTENONE RESTERA’ CON LE IMPALCATURE
ATENE, 24 MAR – I turisti che arriveranno ad Atene per i giochi olimpici di agosto rischiano di restare profondamente delusi, se si aspettano monumenti e musei tirati a lucido per l’evento. Dopo le notizie sulla parziale apertura del Museo archeologico nazionale, sul museo dell’Acropoli bloccato prima ancora di nascere dalle cause legali, il governo ha annunciato che il Partenone, simbolo stesso della Grecia, resterà in parte avvolto da impalcature e altre strutture per il restauro nel periodo dei giochi, mentre il vicino tempio di Atena Nike verrà riassemblato solo in parte. Sulla sommità dell’Acropoli è in corso da anni un progetto di restauro del Partenone, del tempio di Atena Nike e dei propilei. Il precedente governo aveva fatto pressioni sui restauratori affinché i monumenti fossero liberi dalle impalcature entro il prossimo agosto, ma ieri il nuovo viceministro della cultura Petros Tatoulis, visitando il sito, ha chiarito che solo i propilei – l’ingresso alla straordinaria area archeologica – saranno liberi e visibili nella loro completezza dai visitatori. Il colonnato nord del Partenone sarà ricoperto dalle impalcature, mentre il tempio di Atena, che è stato smontato pezzo per pezzo per il restauro, sarà rimontato solo per metà in agosto. Tatoulis, sottolineando che si tratta di “uno sforzo molto importante”, ha detto che il nuovo governo conservatore è in favore della costruzione del museo dell’Acropoli, che ha avuto e sta avendo una vita tormentata. Tuttavia, le ultime cause legali ed indagini penali sui permessi dati alla costruzione – che potrebbero danneggiare rovine presenti sul sito – sono nate proprio dalle denunce di Tatoulis, quando era deputato dell’opposizione….

Vi ricordiamo che potete trovare tutte le puntate ed i racconti mitologici nella sezione “Storie Mitologiche” della  rubrica Tourism & Culture del nostro sito Napoliflash24.it

http://www.napoliflash24.it/category/turismo-2/storie-mitologiche/

Fine 9° Puntata

096

103

104

Foto del British Museum