Erikah Nonhalanhla Seyama, 25enne atleta del salto in alto, del Regno di
Eswatini (fino al 2018 Swaziland), piccolo Stato dell’Africa Meridionale, tra Mozambico e Sud Africa si è già innamorata di Napoli e dei napoletani. È ancora fresca in lei l’emozione vissuta la sera del 3 Luglio alla cerimonia d’apertura delle Universiadi estive, allo stadio San Paolo, mentre sfilava con la sua delegazione: ”È stata meravigliosa l’accoglienza del pubblico, cari napoletani grazie del vostro affetto siete straordinari, vi aspetto al San Paolo per le qualificazioni”

Inoltre è rimasta affascinata dalla bellezza storica-artistica della città partenopea: ”Quando sono arrivata a Napoli la cosa che mi ha colpito è stata vedere così tanti edifici antichi, l’architettura è bellissima. Mi sono subito innamorata di questo posto ricco di storia”.
Ha promesso infatti di ritornarci se non di rimanere qualche giorno in più, appena la manifestazione sportiva sarà finita.

 Ora Erikah è concentrata sulle gare. In queste ore è infatti impegnata negli allenamenti, con obbiettivi ben chiari: essere tra le finaliste del 13 luglio:  “Voglio saltare più in alto di tutte. E strappare un pass per Tokyo 20202 – ha dichiarato.

Erikah  ha confessato che per lei  essere in Italia e’ un sogno realizzato, chissà che non si avveri anche quello di partecipare alla prossima Olimpiade.

Roberta Salvati