Una pesca da guinness dei primati

La pesca più grande del mondo è di Giugliano. Il proprietario è il signor Giacomo Palumbo, coltivatore di Pignataro Maggiore. Il frutto, dalle dimensioni eccezionali, pesa 950 grammi e supera di gran lunga i 720 grammi, peso della pesca statunitense che deteneva il primato mondiale fino a poco tempo fa.
Il signor Palumbo, infatti, ha raccolto il poderoso frutto da soli quattro giorni e non ha avuto il coraggio di venderlo al mercato. Non riesce a spiegarsi come sia potuta crescere una pesca di tali dimensioni: trentotto centimetri di diametro, dodici di altezza e tredici di larghezza.
Eppure, nonostante l’impresa da guinness dei primati, il record mondiale non gli è stato ancora assegnato, perché c’è bisogno della verifica diretta da parte di una delegazione di giudici. Ma i tempi di tale verifica sono molto lunghi, dalle quattro alle sei settimane, e il frutto rischia, inevitabilmente, di marcire.
Al signor Giacomo Palumbo resterà, in ogni caso, la gloria di essere comunque il coltivatore più incredibile del pianeta.

Assunta Lutricuso