La panchina bianca” di Napoli è alla Mostra d’Oltremare di Fuorigrotta. L’iniziativa nasce per sensibilizzare la collettività sul tema della sicurezza stradale.

La valenza simbolica sta nell’esigenza di focalizzare l’attenzione sui soggetti deboli in strada; pedoni, bambini, anziani e ciclisti, in numero elevato, purtroppo, pagano con la vita, o con infortuni gravi, il mancato rispetto delle regole.

La prima panchina bianca è collocata nell’area verde della Mostra d’Oltremare. Tale iniziativa nasce nell’ambito del progetto “Nuovo Lavori, Nuove Tutele”. Il progetto è promosso dall’Associazione Napoli Pedala, da Inail Campania e Nidil CIGL Napoli, col patrocinio di Comune di Napoli, Mostra d’Oltremare e Fondazione Michele Scarponi.

Sulla panchina è incisa la frase “La strada è di tutti”; è la chiave della campagna di comunicazione mediatica lanciata proprio dalla Fondazione Scarponi per riflettere sul tema dei morti in strada e della violenza stradale.

L’inaugurazione della prima panchina bianca c’è stata venerdì 5 marzo 2021; nello stesso giorno ricorre la “Giornata cittadina per la sicurezza nei luoghi di lavoro”, istituita dal Comune di Napoli per ricordare i tanti lavoratori per i quali la strada è il principale, se non unico, luogo di lavoro, come per esempio i rider. Questi ultimi avranno prossimamente la prima Casa del Rider.

All’inaugurazione: Remo Minopoli, Presidente di Mostra d’Oltremare, Maria Caputo, consigliera delegata Mostra d’Oltremare, Luca Simeone, Presidente dell’Associazione Napoli Pedala, Marco Scarponi della Fondazione Michele Scarponi, Alessandra Clemente, Assessore ai Giovani e Lavori Pubblici del Comune di Napoli, Adele Pomponio, Direttore regionale Vicario Inail Campania, Antonietta Perna NIDIL CGIL.

Ricordiamo che nel 2005 si è celebrata la prima “Giornata mondiale in memoria delle vittime della strada”; l’Onu la proclamò per puntare l’attenzione generale sul dramma degli incidenti stradali; questa Giornata ricorre ogni terza domenica del mese di novembre.