L’UCID (Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti) scende in campo con l’Associazione L’Altra Napoli Onlus, l’Associazione Commercianti di Forcella per essere accanto ad una umanità in difficoltà. Un modo per mettersi al servizio dei più deboli per rilanciare il volontariato in un’epoca in cui anche l’economia deve rappresentarsi con il giusto spirito sociale e solidale, che sia un’economia che riconosca valore alle persone ai loro bisogni e che promuova l’inclusione e la coesione sociale.

Si tratta di un concetto nuovo di economia inclusiva, come afferma Stefania Brancaccio, presidente Ucid Campania: “Abbiamo pensato di accompagnare in modo qualificato, quanti, in questo momento, si trovano in grandi difficoltà economiche, mettendo a disposizione le nostre forze non solo degli imprenditori, ma anche dei professionisti iscritti Ucid: avvocati dottori commercialisti, medici. Con tutti i nostri iscritti siamo pronti a proporci per gli altri. Abbiamo avuto migliaia di morti per e con Corona virus, non vogliamo altre vittime per burocrazia e delinquenza“.

Nato spontaneamente da un’idea di Stefania Brancaccio, Diego Guida, Luca Iovine, Antonio Raio, il progetto “Futuro – Prossimo” sta già raccogliendo numerosissime richieste di aiuto, e con entusiasmo molti professionisti stanno accompagnando i napoletani a districarsi tra le norme della burocrazia.

L’attività, totalmente gratuita per chi ne voglia fare richiesta, nasce dalla esigenza dei tanti napoletani e dei tanti lavoratori non sempre in grado di sapersi orientare nel ginepraio delle recenti normative emanate a seguito della emergenza da corona virus.

Come richiedere l’anticipazione della Cassa Integrazione alla propria banca? Come avere accesso ai bonus per le baby sitter? Come richiedere il bonus per i possessori di Partita Iva? Come ottenere il voucher per gli operatori del turismo e dello spettacolo?

Queste alcune delle domande pervenute cui sono seguite le prime azioni di assistenza, con lo scopo di accompagnare i cittadini nelle operazioni di accesso alle misure del Cura Italia, che in qualche caso presentano problematicità tecniche e burocratiche.