Chiunque abbia necessità di prendere un taxi a Napoli potrà farlo anche attraverso l’applicazione di Uber. Dopo Torino, prima città in Italia e una delle prime in Europa ad aver lanciato questo servizio, da ieri Napoli mette a disposizione dei clienti il servizio Uber Taxi. Circa 50 auto bianche si sono registrate per essere inserite nell’elenco dell’app, e rendersi disponibili con un click ai potenziali clienti.

Uber Taxi rappresenta per i tassisti una possibilità concreta per aumentare i propri ricavi accedendo alla tecnologia di Uber che consente di ridurre i tempi tra una corsa e l’altra– si legge nella nota diffusa dall’azienda –. L’adesione a Uber Taxi è gratuita e i tassisti verseranno una quota pari al 12% del costo di ogni corsa come service fee ad Uber. I tassisti riceveranno i pagamenti delle loro corse tramite la app Uber su base settimanale e potranno usufruire del programma di assicurazione Partner Protection siglato con Axa che garantisce copertura in caso di malattia o infortunio”.

I passeggeri hanno a disposizione tutte le funzionalità di Uber, come le informazioni sull’autista, la stima del costo della corsa in anticipo (l’effettivo è indicato a fine corsa dal tassametro), dividere il costo della corsa, visualizzare il percorso e, grazie al sistema di anonimizzazione, passeggeri e autisti potranno mettersi in contatto telefonicamente o via chat senza condividere il proprio numero di telefono.