Tra le regioni italiane scelte come meta per le proprie vacanze, il 14 per cento dei britannici optano la Campania, seconda soltanto al Veneto, preferito dal 18 per cento dei viaggiatori inglesi. Si prevede che il flusso turistico crescerà del 5 per cento nel 2020 soprattutto grazie ai siti divenuti patrimonio Unesco, come Pompei.

E’ quanto emerso al World Travel Market, il maggiore evento dedicato ai viaggi. Dal 4 al 6 novembre Londra ha ospitato brand, tour operator, buyers, giornalisti provenienti da ogni parte del mondo, tra cui Federalberghi Campania.

Si registra un’attenzione particolare verso la penisola sorrentina, ma si fa notare un trend positivo per la città partenopea in quanto a turisti giunti via mare. Anche il versante aeroportuale è in netta crescita, dato che Napoli quest’anno risulta essere la quarta città per arrivi internazionali. Si comprende l’invito espresso a fine esibizione da Corrado Matera, assessore regionale al Turismo, nel commentare questi dati. Se il paesaggio, la cultura e i sapori sono eccellenze uniche, perché non riproducibili, quindi ricercate da chi giunge dall’estero per trovare un valore aggiunto che vada oltre le mode del momento, è importante tutelarle tanto quanto incrementare i servizi, a cominciare dal trasporto locale. A chiederli è anche Giuseppe Cuomo, sindaco di Sorrento, al centro della promozione culturale campana al WTM di quest’anno anche grazie al video prodotto dalla fondazione che prende il nome dalla città di Torquato Tasso.