TUFFO NEI CAMPI FLEGREI AI TEMPI DELL’IMPERO

VISITA ALLE CISTERNE DELLA GROTTA DELLA DRAGONARA E DELLA PISCINA
MIRABILIS

A SEGUIRE DEGUSTAZIONE DI VINI FLEGREI

L’appuntamento porterà i visitatori alla scoperta delle testimonianze
di cisterne romane in area flegrea e delle straordinarie capacità
ingegneristiche possedute dai costruttori di età augustea. L’itinerario
avrà inizio dalla GROTTA DELLA DRAGONARA, ingresso di una grande
cisterna che alimentava la villa romana, ora non più visibile, dove
venne ucciso l’imperatore TIBERIO. La suggestiva e vasta cavità,
interamente SCAVATA NEL TUFO e rivestita di cocciopesto idraulico, deve
il suo nome al termine tracon. La cisterna è divisa in CINQUE NAVATE
da dodici imponenti pilastri che ne sostenevano la volta a botte.
Originariamente l’ingresso era possibile dall’alto attraverso tre
aperture; le grandi vasche impermeabilizzate, che permettevano la
DECANTAZIONE DELLE ACQUE PIOVANE prima che entrassero nella cisterna,
sono state in seguito utilizzate come sepolture. Questa STRUTTURA
IDRAULICA era forse anch’essa AL SERVIZIO DELLA FLOTTA o dell’ADIACENTE
VILLA DI LUCULLO, che una fonte antica ricorda posta sul colle a
guardare «da un lato il mare di Sicilia e dall’altro il Tirreno». In
seguito sarebbe stata INGLOBATA NELLA VILLA perché la Piscina
Mirabilis, l’altra grande cisterna collocata non lontano, era già
sufficiente a soddisfare il fabbisogno dei marinai. La seconda tappa
dell’itinerario riguarderà proprio la FAMOSA PISCINA MIRABILS, situata
nel centro storico di BACOLI, una CATTEDRALE SOTTERRANEA definita dal
grande Francesco Petrarca Ammirabile. Autentico gioiello dell’arte e
dell’architettura, è LA PIÙ GRANDE CISTERNA ROMANA DI ACQUA POTABILE
mai realizzata. Costruita nel periodo Augusteo e interamente scavata nel
tufo, fu utilizzata per approvvigionare di acqua gli uomini della
CLASSIS MISENENSIS, la più importante flotta dell’Impero Romano, che
era ormeggiata nel porto di Miseno. Costituiva il SERBATOIO TERMINALE
dell’ACQUEDOTTO AUGUSTEO (AQUA AUGUSTA) che, dalle sorgenti di Serino
(AV), con un tragitto di 100 chilometri, portava l’acqua a Napoli e all’
area flegrea.

Dragonara2

A seguire i partecipanti saranno accolti nel vicino vigneto a conduzione
familiare dove assaggeranno PREGIATI VINI FLEGREI.

Domenica 27 dicembre 2015 h 10:00

ORE 10:00 Appuntamento presso lo Chalet Giona, Via Dragonara, 8 (Capo
Miseno) – Bacoli (Napoli)

E’ previsto un contributo organizzativo. La prenotazione è
obbligatoria.

INFO E PRENOTAZIONI 392 2863436 – www.sirecoop.it-
cultura@sirecoop.it