La cura di tutti i mali calcistici? I tre punti. E il Napoli di Benitez torna alla vittoria (scaccia-crisi?), sbancando di misura il Mapei Stadium. Certo l’avversario era ampiamente alla portata degli azzurri, però l’1 a 0 in terra emiliana permette al tecnico spagnolo di poter tornare a lavorare tranquillo e ricominciare la rincorsa al gruppo di testa del campionato.
Ieri, si era capito da quello splendido abbraccio pre-partita, che gli azzurri avrebbero fatto di tutto per vincerla e, dopo una serie di vani tentativi e sprazzi di bel gioco, a portare a casa il risultato, questa volta, ci ha pensato Callejon. Perfetto il suo tocco nell’area piccola al 27′ del primo tempo su assist di Higuain (nervoso come sempre ma autore di una buona gara). Da Sassuolo si può e si deve ripartire coscienti dell’appoggio di un pubblico sempre straordinario (ieri sembrava di giocare in casa), della porta di Rafael finalmente inviolata e di alcune conferme come Gargano(bene in coppia con Lopez), fin qui sempre tra i migliori e Koulibaly(ieri un muro) che migliora di gara in gara. Si deve ripartire però, anche da quel finale di gara che come al solito ha regalato un calo di concentrazione e uno sbandamento mostruoso, con momenti di pura ansia e terrore per i supporters azzurri, vedesi la traversa di Peluso al 40′, incredibilmente lasciato solo in area. Indubbiamente Benitez(per la prima volta in piedi per tutto il match), ha cercato di far rifiatare tre elementi chiave come Gargano, Hamsik e Higuain in vista della gara di coppa, ma l’oggetto misterioso De Guzman e Jorginho e Zapata, non sono riusciti a dare una degna mano in fase difensiva e a creare l’occasione gol per chiudere il match. C’è ancora tanto da lavorare e il discorso vale soprattutto per i nuovi acquisti. Il tecnico non può fare affidamento sempre sui soliti nomi, una squadra impegnata su più fronti deve poter contare almeno su una rosa di 17/18 uomini, per ora siamo ben lontani da questa realtà.
Il triplice fischio sancisce Napoli a quota 7 e più vicino al terzo posto. Ora è necessario trovare una continuità di risultati, dimenticare per sempre l’incubo del San Mames, far tacere le polemiche e anche dare definitivamente un calcio alla sfortuna.
SASSUOLO-NAPOLI 0-1
SASSUOLO

Consigli, Gazzola, Cannavaro, Acerbi, Peluso, Brighi, Magnanelli, Taider, Floccari, Zaza, Sansone. All.Di Francesco
NAPOLI
Rafael, Albiol, Britos, Koulibaly, Zuniga, Gargano, Lopez, Callejon, Hamsik, Insigne, Higuain. All.Benitez
GOL: Callejon 27’pt.

A proposito dell'autore

Giornalista pubblicista dal 2014, grande amante di calcio, sport in generale, musica e storia contemporanea, collabora con Napoliflash24 dalla sua fondazione(2013). Curatore dal 2013 delle Rubriche "Largo ai giovani" e "Mondo Ultras" su ilnapolionline.com. In passato ha collaborato con il magazine "Thetripmag.com", il blog "letteraturateatrale.it", il portale "Forumitalia" e inoltre ha ricoperto nel corso del biennio 2013/2014, il ruolo di addetto stampa dell'ASD Partenope Soccer.

Post correlati