Il primo week end di dicembre ha fatto registrare un record di presenze tra Salerno e Napoli. Migliaia di persone si sono accalcate per visitare le luci d’artista e visitare il centro storico di Salerno, tra shopping prenatalizio e acquisto di addobbi per l’albero di Natale o il presepe. E proprio in tema di presepe, la storica via napoletana di San Gregorio Armeno, ieri è stata letteralmente presa d’assalto. Purtroppo, però, Napoli ha accolto i visitatori con cumuli di immondizia per le strade, soprattutto al Vomero, una delle zone di Napoli a maggiore vocazione commerciale. “Se continua così scriverò una letterina a Babbo Natale confidando in un suo intervento per il quartiere Vomero  – denuncia con amarezza Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori Collinari – come se non bastassero le buche che costellano carreggiate e marciapiedi, il traffico con clacson strombazzanti a tutte le ore del giorno con l’aria inquinata, bisogna ogni giorno anche fare i conti con il pattume e le montagnole di rifiuti diffusi per tutto il quartiere senza risparmiare neppure le strade e le piazze principali. Così – spiega poi Capodanno  -, anche in questo ultimo sabato di novembre, che prelude al periodo natalizio, con tante persone in strada per il consueto shopping, in una bella mattinata di sole, si constatavano cumuli di rifiuti diffusi un poco dovunque in piazze e strade del quartiere collinare”.

Intanto con la città a un passo dalla crisi rifiuti, un esempio di virtuosità arriva dai cittadini. Alcuni residenti di Corso Vittorio Emanuele, infatti, sabato scorso, armati di ramazza, hanno ripulito il tratto compreso tra piazzetta Cariati e santa Santa Maria Apparente.

Nonostante le rassicurazioni dal sindaco Luigi De Magistri, che alcuni giorni fa aveva assicurato: ‘’Entro domenica via i rifiuti dalle strade’’, a cui aveva dato man forte anche la neopresidente di Asìa Maria De Marco in un’intervista rilasciata proprio alla nostra testata, i cumuli di rifiuti sono ancora lungo le vie dello shopping, soprattutto, come denuncia Gennaro Capodanno, in particolare nel tratto pedonale di via Scarlatti e in piazza Vanvitelli. Il presidente del comitato Valori Collinari racconta di sedie accatastate abbandonate e montagne di scatoloni di cartone sui marciapiedi.

Non parliamo poi delle strade per così dire secondarie, dove lo scenario è ancora peggiore, anche con addetti allo spazzamento  che presumibilmente mancano da tempo – prosegue Capodanno certo contribuisce, e molto, anche l’inciviltà dei cittadini ma bisognerebbe pure capire perché accadono queste cose in un periodo nel quale, peraltro, i commercianti del Vomero confidano in una massiccia presenza di acquirenti per risollevare le sorti di un’annata molto difficile. E un siffatto biglietto da visita, con immondizia e pattume, non aiuta molto”.