L’Asl effettuerà tamponi in modalità drive-in anche nei comuni a ridosso del Napoletano: lo si è deciso dopo la protesta dei sindaci del Vallo di Lauro, nell’avellinese. A inscenare la protesta per chiedere che venissero effettuati i test, sono stati i sindaci dei comuni di Moschiano, Rosario Addeo, di Marzano di Nola, Francesco Addeo e di Quindici, Eduardo Rubinaccio, in rappresentanza di tutti i comuni dell’area. Intanto all’ospedale Moscati sono 7 i ricoverati  in terapia intensiva.

I primi cittadini hanno manifestato alla direttrice dell’Asl di Avellino, Maria Morgante, il loro disappunto sul fatto che, nelle cinque postazioni mobili previste dall’azienda sanitaria, non fosse stato previsto nessun paese del Vallo. Troppo rischioso far spostare i cittadini per arrivare ad Avella, hanno spiegato al direttore generale. L’Asl ha per questo recepito le loro richieste e si parte lunedì da Quindici, al campo sportivo, con i test sulla popolazione.