Ci sono anche due giovani della provincia di Caserta, tra i 20 studenti Erasmus bloccati in Spagna per l’emergenza Coronavirus. A Ferdinando Bianco e l’amico Achille Falvo, questi i loro nomi, è stato impedito di salire sulla nave Grimaldi, in partenza dal porto di Barcellona, diretta in Italia. I due risiedono rispettivamente a Santa Maria Capua Vetere e a Caserta.

Gli studenti, con un video, hanno denunciato che gli è stato impedito di lasciare la Spagna: “Non ci hanno fatto salire sull’ultima nave per tornare in Italia. E questo perchè due ragazzi alla rilevazione della febbre con il termometro del medico di bordo hanno inizialmente riportato una temperatura di 37,5°C che dopo 10 minuti è arrivata a 38°C. Ma in realtà i due ragazzi stanno benissimo. Abbiamo chiamato la polzia e l’ambulanza e abbiamo chiesto al medico di bordo se poteva aspettare altri 10 minuti per riprovare a misurare la febbre, ma non c’è stato nulla da fare. Anche i medici dell’ambulanza hanno detto che i due ragazzi non avevano la febbre. Questa è la solidarietà di cui tanto si sta parlando in questi giorni. In realtà la solidarietà l’abbiamo dimostrata noi che non abbiamo abbandonato i nostri due amici italiani“.

Preoccupazione dei familiari che sperano di riabbracciarli presto. La sorella di Ferdinando, Gabriella Bianco sui social ha raccontato l’odissea degli studenti bloccati in porto: “Mio fratello, insieme all’amico e ad altri ragazzi sono in Erasmus in Spagna e sottolineo che erano alloggiati presso diverse città, in case che ieri sera hanno lasciato poiché convinti di partire dopo aver rispettato ben 3 settimane di quarantena. Cerchiamo di fare tornare questi ragazzi a casa in sicurezza“.