Si trovava a Rimini per prendere parte alla 40esima edizione del Sigep, il salone Internazionale dedicato ai professionisti di Gelateria, Pasticceria, Panificazione Artigianali e Caffè, Francesco D’Avino, l’imprenditore vesuviano trovato senza vita questa mattina ella sua camera d’albergo. L’uomo, probabilmente deceduto in seguito a un malore, era a capo dello storico zuccherificio di Poggiomarino fondato dal nonno nel 1927 rappresentando la terza generazione imprenditoriale di famiglia dopo il padre Vincenzo. Fu proprio Francesco a dare una svolta decisiva all’azienda che conta oggi una cinquantina di dipendenti, trasformandola in una realtà di successo a livello internazionale, grazie alla scelta di dedicarsi alla trasformazione dello zucchero, ma soprattutto alla customizzazione del prodotto come le bustine con il packaging personalizzato.

La comunità di Poggiomarino, sotto shock per la notizia, si è stretta intorno ai familiari del giovane imprenditore.