Stavolta non ci sono dubbi, Juventus e Napoli si affronteranno per la sfida che assegnerà la Supercoppa Italiana; un match in questa stagione giocato soltanto virtualmente e attraverso i tribunali tra corsi, ricorsi ed infinite polemiche. Stasera si giocherà ma c’è da segnalare anche questa volta il tentativo del presidente De Laurentiis di far slittare l’evento per tante condizioni avverse, prima di tutto dal punto di vista climatico ( a Reggio Emilia in questo periodo regnano il gelo e la nebbia) e poi per la possibilità di giocare quando avrebbero potuto presenziare i tifosi; la Lega però ha respinto la richiesta in quanto il calendario è già particolarmente fitto ed ingolfato.

Le due compagini che si ritrovano a 7 mesi dalla finale di Coppa Italia sono reduci da una domenica dai sentimenti diametralmente opposti: il Napoli ha asfaltato la Fiorentina nel lunch-match (6-0) mentre i bianconeri nel posticipo serale sono stati battuti nel “Derby d’Italia” dall’Inter di Conte allontanandosi pericolosamente dalla vetta ma soprattutto certificando lacune e difficoltà tattiche già emerse agli inizi del nuovo corso.

Gattuso sa bene però che la storia della Vecchia Signora parla chiaro e difficilmente la società bianconera fallisce due incontri consecutivi soprattutto se di cartello; quindi nessun calo di concentrazione e cura maniacale dei dettagli, per portare a casa il trofeo bisogna assolutamente dare più del massimo! Dovrebbe cambiare quasi nulla dalla formazione schierata contro i viola: conferma tra i pali per l’affidabilissimo ed esperto Ospina mentre in difesa con la coppia centrale Manolas-Koulibaly sugli esterni ritorna Di Lorenzo a destra (in campionato ha scontato la squalifica) e a sinistra probabilmente l’unico dubbio di serata con l’albanese Hysaj che contende il posto al portoghese Mario Rui. Nessun dubbio a centrocampo che si baserà sulla solidità, dinamismo e fisicità della coppia Demme-Bakayoko con il polacco Zielinski ad agire tra le linee a supporto del bomber Petagna, il quale sembra aver smaltito a pieno la botta rimediata domenica e che si metterà ancora una volta il peso dell’attacco sulle spalle cercando di creare gli spazi giusti per Insigne e Lozano. Arme letali per subentrare a gara in corso saranno il rientrante Mertens ed il devastante Politano.

Idee meno chiare e qualche problema in più dall’infermeria per Andrea Pirlo che dovrà rinunciare a de Light, Alex Sandro, Dybala, Demiral ma che ha recuperato in extremis, almeno tra i convocati, Cuadrado guarito dal Covid. A centrocampo si rivedranno Arthur e McKennie per sostenere un Bentancur apparso lontano da una forma apprezzabile mentre al fianco di Cristiano Ronaldo potrebbe giostrare Kulusevski in luogo di Morata per dare meno punti di riferimento alla difesa partenopea.

E’ Juventus-Napoli ma è anche sfida tra i due leader, Ronaldo ed Insigne; il 24 partenopeo reduce da una gara superlativa contro la Fiorentina cerca il secondo trofeo da alzare al cielo con la fascia da capitano e il 100esimo gol con la casacca della sua squadra del cuore!

Si gioca alle 21, al Mapei Stadium, arbitra il signor Valeri. Sperando di non doverne narrare le gesta…