Cliccare sui link dei teatri per l’acquisto dei biglietti

TEATRO DI SAN CARLO

via San Carlo 98/F   tel: +39 081 7972331 – 412

http://www.teatrosancarlo.it/

19 gennaio 2020

Riccardo Muti / Chicago Symphony Orchestra

Direttore | Riccardo Muti

Sergei Prokofiev
Suite da Romeo e Giulietta (1936)

Antonín Dvořák Sinfonia  No 9 in mi minore “Dal Nuovo Mondo” (1893)

Chicago Symphony Orchestra domenica 19 gennaio 2020, ore 19.00Durata musicale: 1 ora e 30 minuti circa


TEATRO MERCADANTE

Piazza Municipio – t. 081 5513396

https://www.teatrostabilenapoli.it/teatro-mercadante/

Dal 15 al 26 gennaio

“I giganti della montagna”

di Luigi Pirandello

regia Gabriele Lavia
con Gabriele Lavia, Federica Di Martino, Clemente Pernarella, Giovanna Guida, Mauro Mandolini, Lorenzo Terenzi, Gianni De Lellis, Federico Le Pera, Luca Massaro, Nellina Laganà, Ludovica Apollonj Ghetti, Michele Demaria, Simone Toni, Marìka Pugliatti, Beatrice Ceccherini, Luca Pedron, Laura Pinato, Francesco Grossi, Davide Diamanti, Debora Rita Iannotta, Sara Pallini, Roberta Catanese, Eleonora Tiberia

I Giganti della montagna è l’ultimo dei miti, testamento artistico, di Luigi Pirandello. Quest’opera, scrive Lavia, costituisce il punto più alto e la sintesi di tutta la poetica pirandelliana. I Giganti è un testo incompiuto. Magnificamente incompiuto. E non sapremo mai se questa “incompiutezza” sia dovuta all’impossibilità di finire l’opera o a una precisa intenzione dell’autore. Sappiamo che Pirandello morì la notte prima di scrivere l’ultimo atto, di cui aveva raccontato la “scaletta” al figlio, che fedelmente ne riportò, a memoria, il contenuto. Ma nessuno può essere certo che Pirandello avrebbe poi scritto il terzo atto come lo raccontò al figlio. Nel testo si riannodano tutti i temi e i motivi speculativi, drammaturgici, estetici, che sono connaturati al mondo dell’autore. Il clima che si offre allo spettatore è quello di una straordinaria, espressiva, ineffabile bellezza. I Giganti, mito dell’arte, è senza alcun dubbio il capolavoro di Pirandello. Capolavoro, forse, perché mai concluso. E, per questo, diventa un’opera aperta con un registro inventivo mai così fantastico. È come se il teatro del grande agrigentino fosse miracolosamente investito da un soffio di fantasia poetica che raggiunge l’altezza e la trasparenza dello sguardo di un “bambino”. Pirandello conclude così, con l’incanto di queste ultime pagine, il suo destino di fondatore del teatro moderno.


TEATRO SAN FERDINANDO

Piazza Eduardo de Filippo 20

t. 081 5513396 – 081 292030 – 081 291878

https://www.teatrostabilenapoli.it/

Dal 9 al 19 gennaio 2020

“Satyricon”

di Francesco Piccolo ispirato a Petronio

regia Andrea De Rosa
con Antonino Iuorio, Noemi Apuzzo, Alessandra Borgia, Francesca Cutolo, Michelangelo Dalisi, Flavio Francucci, Serena Mazzei, Lorenzo Parrotto, Anna Redi, Andrea Volpetti
scene e costumi Simone Mannino
luci Pasquale Mari
sound design G.U.P. Alcaro
coreografia Anna Redi
Nel 66 d.C moriva Petronio Arbitro, maestro di buon gusto alla corte di Nerone, travolto dalla repressione di una congiura alla quale sembra non avesse partecipato. Tradizionalmente si attribuisce a lui il romanzo noto come Satyricon, pervenutoci in forma frammentaria e noto al grande pubblico soprattutto per la geniale (e libera) rilettura di Fellini. Un mix di sorprendenti brandelli narrativi, tra sesso, strani riti, naufragi, risse, speculazioni d’arte, truffe ben congegnate e licantropi, tra i quali spicca qualche porzione più ampia come la celeberrima, scintillante Cena di Trimalchione. Andrea De Rosa lo trasforma in teatro affidandosi alla penna sagace di Francesco Piccolo che così descrive il suo approccio alla riscrittura: “La decadenza di Roma, l’opulenza disperata, la corruzione, il mecenatismo un po’ burino. Le feste, le cene. Tutto questo è stato già raccontato da Petronio ed è però ancora tutto da raccontare. Provare a riscrivere e rendere contemporaneo il Satyricon, usando i tic linguistici della mondanità decadente di oggi, è sia elettrizzante sia in qualche modo naturale. Insomma, bisogna provarci”.


TEATRO RIDOTTO DEL MERCADANTE

Piazza Municipio – t. 081 5513396

https://www.teatrostabilenapoli.it/

Dall’8 al 19 gennaio

“Tossine”
con Teresa Saponangelo, Ivan Castiglione, Tony Laudadio
scene Martina Gallo
costumi Barbara Bessi
disegno luci Carmine Pierri
assistente alla regia Paola Senatore
direttore di scena Nicola Grimaudo
fonico Diego Iacuz
sarta Roberta Mattera
foto di scena Marco Ghidelli
in collaborazione con Accademia di Belle Arti di Napoli / Cattedra di Scenografia – prof. Luigi Ferrigno
produzione Teatro Stabile di Napoli – Teatro Nazionale

L’attrice e regista Monica Nappo e Tony Laudadio, attore di teatro, di cinema e autore di testi teatrali e letterari, incrociano i loro talenti con lo spettacolo Tossine, un noir sui rapporti di coppia non privo di humor. “Alle volte diamo le nostre relazioni per scontate”


TEATRO AUGUSTEO

P.tta duca d’Aosta 263 – Tel. 081414243 – 405660 – Fax 400045

http://m.teatroaugusteo.it

Non pervenuto


TEATRO BELLINI

Via Conte di Ruvo 14 – tel. 081 5491266 – Fax 081 5499656

http://www.teatrobellini.it/

Dal 17 al 26 gennaio 2020

“Dracula”

da Bram Stoker
adattamento Carla Cavalluzzi, Sergio Rubini
con Luigi Lo Cascio, Sergio Rubini e con Lorenzo Lavia, Roberto Salemi, Geno Diana, Alice Bertini

Sergio Rubini e Carla Cavalluzzi riscrivono per il teatro Dracula di Bram Stoker, il romanzo gotico per eccellenza, rimarcandone i risvolti psicologici e creando uno spettacolo che non si limita a trascinare lo spettatore in una vicenda, ma che riesce ad avvolgerlo completamente nella sua atmosfera, facendolo agire in un’unica, potente, suggestione. Dracula diventa non solo un viaggio notturno verso l’ignoto, un viaggio tra lupi che ululano, grandi banchi di foschia e croci ai bordi delle strade, ma anche il viaggio interiore del giovane procuratore londinese Jonathan Harker, incaricato di recarsi in Transilvania per curare l’acquisto di un appartamento a Londra per conto di un nobile del luogo. Il giovane avvocato non immagina la sciagura che lo attende, ma fin dall’inizio del suo viaggio, sprofonda in un clima di mistero, oscurità e paura, prima ancora di conoscere il Conte. La sua vita cambierà non appena si accosterà al cancello del Castello, il ricordo di ciò che accadrà da quel momento in poi, sarà un’ossessione che contamina tutto ciò che ha di più caro, in primis il rapporto con sua moglie Mina che solo dalla lettura del diario redatto durante il soggiorno-prigionia di Jonathan al Castello, verrà a conoscere l’origine del malessere, che si è impossessato del suo giovane sposo. Come nel precedente Delitto/Castigo, in scena con Rubini un eccezionale Luigi Lo Cascio, insieme i due attori danno ancora una volta prova di grande sintonia.
Durata 2h senza intervallo


TEATRO PICCOLO BELLINI

Via Conte di Ruvo 14 – tel. 081 5491266 – Fax 081 5499656

http://www.teatrobellini.it/spettacoli/

14 gennaio

Maldestro in concerto
“Come neve sopra al mare”

Maldestro, ormai uno degli artisti più apprezzati della scena cantautoriale italiana, torna sul palco del Piccolo Bellini con Come neve sopra il mare. Il lavoro, è un viaggio attraverso le canzoni e i
racconti più intimi di una vita violenta. Una risalita dal basso, sfuggendo dall’abbiglio delle lampare che ingannano i pesci. Un
racconto cristallino, senza alcuna maschera, dove il protagonista si dimette dal ruolo di cantautore spingendosi laggiù, dove abitano i pensieri più sinceri. Non solo un concerto, ma anche un racconto di vita che mette insieme la
musica e il teatro. “Appunti dal fondo è un viaggio attraverso le canzoni e i racconti
più intimi di una vita violenta. Una risalita dal basso, sfuggendo dall’abbiglio delle lampare che ingannano i pesci. Un racconto
cristallino, senza alcuna maschera, dove il protagonista si dimette dal
ruolo di cantautore spingendosi laggiù, dove abitano i pensieri più
sinceri.” MALDESTRO
Tra gli ospiti della serata: Dario Sansone dei Foja, i musicisti Sara Sgueglia e Luigi Pelosi, e l’attore Salvatore Esposito.

Dal 15 al 17 gennaio 2020

“Opera”

adattamento e regia Nicola Laieta
con i giovani dei laboratori territoriali delle arti dell’Associazione Maestri di Strada e gli educ-attori dell’Associazione Trerrote
(in o.a.) Daniele Acanfora, Lucia Affinita, Gabriele Buo, Rosa Capuano, Lucia Ciruzzi, Giuseppe Cozzolino, Diego D’Ambrosio, Serena D’Oria, Arianna Dentice, Armando Di Bello, Francesca Fiorillo, Ivan Gallotti, Lorenzo Izzo, Fabiana Lettica, Tonia Malapena, Fortuna Mastrogiacomo, Esterina Megna, Giulia Menna, Lucia Pia Noviello, Martina Pallotta, Chiarastella Riccio, Francesco Rungi, Antonio Sannino, Giulia Signoriello, Mauro Spagnuolo, Francesca Pia Testa, Giovanni Troise, Margherita Troise, Francesco Volino

Per la quarta stagione consecutiva, Maestri di Strada e l’Associazione Trerrote (Teatro – Ricerca – Educazione) ritornano al Teatro Bellini di Napoli, confermando la loro collaborazione. Quest’anno porteranno in scena una nuova leva di giovani attori alla loro prima esperienza con il palcoscenico, accompagnati come sempre dai loro
educatori. Un battesimo per una nuova comunità di ragazzi provenienti dalla periferia est di Napoli, che nel teatro trova il luogo e la maniera per raccontare e raccontarsi. Allo stesso tempo, gli offre la possibilità di mostrare a sé stessi e agli altri la propria irriducibile bellezza. Lo spettacolo si intitolerà Opera e sarà il frutto del laboratorio che, partendo dall’universo poetico e politico del grande drammaturgo Bertold Brecht, colorato dalle tinte mediterranee e vivaci di Raffaele Viviani, darà voce e corpo all’immaginario dei nostri giovani attori.
Durata 60min.

Sabato 18 ore 21:15 domenica 19 gennaio ore 18:30

“Loa Luv”

coreografia Fritz Zamy

compagnia Training Experience Dance Company, produzione Antonio Sodano

Uno spettacolo di hip hop dall’insolito sapore africano: I LOA, infatti sono gli spiriti del Vudun – religione dai caratteri sincretici e fortemente esoterici – e hanno il ruolo di intermediari fra il mondo sovrannaturale e l’uomo. La funzione dei Loa è appunto quella di intercedere negli affari umani e di mediare con il mondo sovrannaturale e ogni Loa è responsabile per un particolare aspetto della vita. Per omaggiare i Loa, non ci si limita alla preghiera, ma li si celebra anche con sacrifici, simboli e danze. Il coreografo Fritz Zamy ci conduce in un vero e proprio viaggio verso la terra madre di ogni credenza mistica, l’Africa, tra rituali e danze dal sapore esotico, che tengono salde le relazioni tra gli spiriti e la comunità.


TEATRO DIANA

Via Luca Giordano 64 – tel. 081 5567527 – 081 5784978

http://www.teatrodiana.it/

Dal 17 dicembre al 18 gennaio 2020

Felicità tour

Alessandro Siani

“quando si è da soli la felicità dura poco, ma se condivisa dura nu’ poco e’ cchiu’’

È un gran ritorno ai monologhi dal vivo, dopo la parentesi dello spettacolo corale ‘’Il principe abusivo a teatro’’ con Christian De Sica. La scelta di ritornare sulle tavole del palcoscenico è stata spinta soprattutto dalla voglia di potermi confrontare con il pubblico, perché lo spettatore è l’unico vero metronomo della vita di un’artista sentire un applauso, una pausa, guardarsi negli occhi resta ancora l’unico deterrente contro l’incomunicabilità oggi più che mai accentuata dalle realtà virtuale. In questo viaggio artistico non sarò da solo ma ad accompagnarmi ci sarà il maestro e compositore Umberto Scipione che dal vivo suonerà e segnerà le tappe cinematografiche della mia carriera da Benvenuti al Sud passando per il Principe Abusivo e si Accettano Miracoli per concludersi con Mister Felicità. I monologhi saranno l’occasione per poter raccontare non solo il dietro le quinte di queste pellicole ma anche l’opportunità per poter parlare delle differenze tra nord e sud, tra ricchi e poveri e di sviscerare quelle che si propongono come le nuove tendenze religiose, ma soprattutto evidenziare i tic e le manie di una società divisa tra ottimisti e pessimisti, tra disperati di professione e sognatori disoccupati.


TEATRO CILEA

Via S. Domenico 11 – tel. 081 7141801 – 081 7141508

http://www.teatrocilea.it/

Dal 16 al 19 gennaio 2020

Mostri a parte”

con 
Fabio Balsamo, Tiziana De Giacomo, Nicola D’Ortona, Giovanna Rei, Marianna Liguori, Claudia Vietri
Franco Gecchi, dimenticata rockstar degli anni ’80, è sposato con la più giovane Ursula, sua grande fan negli anni d’oro della sua carriera e oggi vera “star” di casa poiché conduttrice televisiva di grande successo. Lui è un artista non particolarmente bravo ma sincero e originale; lei stessa non ha grandi capacità, ma è priva di scrupoli e bravissima ad approfittare di chiunque per aumentare gli ascolti dei suoi programmi e, di conseguenza il suo successo. Franco deve trovare il modo di risalire la china altrimenti Ursula lo eliminerà dalla sua vita. Ma come fare? Intorno a sé vede solo mostri, non più “sacri” come un tempo ma “pagani”. Per farcela dovrebbe diventare uno di loro! Ed è proprio ciò che accadrà quando Franco scoprirà di essere l’edere del dottor Jekyll e del suo castello. Tra gags divertentissime e azioni rocambolesche farà la conoscenza di una serie di “strane figure” che abitano l’antica dimora ed entrerà in possesso della famosa pozione che porta in vita il lato oscuro degli uomini.


TEATRO SANNAZARO

Via Chiaia 157 – tel. 081 411723 – 081 418824

http://www.teatrosannazaro.it/

Dal 17 al 19 Gennaio 2020

“Pochos”

scritto e diretto da Benedetto Sicca
con Francesco Aricò, Emanuele D’Errico, Dario Rea, Francesco Roccasecca, Eduardo Scarpetta

durata 1h30 senza intervallo
Sette anni fa, un giovane napoletano omosessuale lanciò un post su una chat di appuntamenti gay con l’ invito a giocare una partita di calcetto. Arrivarono le prime adesioni e nel giro di qualche settimana “la partitella” diventò una consuetudine, tanto che i ragazzi decisero di costituirsi in una vera e propria squadra col nome “Pochos” –  scugnizzi in spagnolo –  in onore del nomignolo del calciatore Lavezzi. Durante una serata di presentazione a cui inaspettatamente si presentò la stampa,  i giovani calciatori si videro costretti ad affrontare pubblicamente il tema della propria omosessualità … iniziò così la “grande notte dei Pochos” in cui ciascuno di loro si trovò a fare i conti con le proprie paure. Per molti di loro quella notte iniziò un percorso di liberazione. A partire da questa vicenda Benedetto Sicca ha sviluppato, nell’ambito del Cantiere Sartoria del Teatro Sannazaro, spazio di sperimentazione delle scritture sceniche, una residenza di creazione che diventa oggi una nuova produzione: Pochos. Uno spettacolo sulle nostre abitudini sessuali, sui nostri desideri e sull’amore per il calcio, nel quale il pubblico è invitato a fare un’allegra riflessione sulla propria sessualità e su quanto i desideri possano trasformarsi in  fonte di liberazione.


TEATRO TOTO’

Via Frediano Cavara 12/e – t. 081 5647525

http://www.teatrototo.it/

Dal 9 al 19 gennaio

Pigliate sta pastiglia”

di e con Vittorio Marsiglia  

Pigliate ‘sta pastiglia”, una commedia brillante, frizzante e ricca di verve mirabilmente ideata da Vittorio Marsiglia e dal Maestro Mariano Perrella. Tre strepitosi protagonisti: Vittorio Marsiglia, l’ultimo “re della macchietta napoletana”, Mariano Perrella, chitarrista, cantante e leader del gruppo “I Pandemonium” e Isabella Alfano, voce calda, limpida e inconfondibile, accompagnati al pianoforte dal Maestro Mario Vicari, portano sul palcoscenico uno straordinario mix di musica, cultura e comicità. Questi tre artisti d’eccezione, “farmacisti” per l’occasione, ci regalano nella loro particolare farmacia queste pillole dal potere miracoloso: quello di portare a chi le assume allegria, serenità e buonumore.


TEATRO TRIANON – VIVIANI

piazza Vincenzo Calenda 9 – Napoli – tel. 081 2258285| fax 081 0124472
http://www.teatrotrianon.org/
Non pervenuto


TEATRO BOLIVAR

Via Bartolomeo Caracciolo 30 – tel: 081 5442616

http://www.teatrobolivar.com/

18 gennaio

Per chi suona la buatta
concerto di Toni Cercola


TEATRO BRACCO

Via Tarsia 40 – Tel. 081 5645323 – 348 1012824

http://www.teatrobracconapoli.it/

Non pervenuto


TEATRO DELLE PALME

Via Vetriera a Chiaia 12 – tel. 081 4104486 – 334 1623732 –  081 5448891 – 5441872

http://www.suoniescene.it/

Non pervenuto


TEATRO AREA NORD

Via Nuova Dietro la Vigna 20 (Zona Piscinola), Napoli

Info: 393 5985003 – 081 58510 96

Non pervenuto


TEATRO ELICANTROPO

Vico Gerolomini, 3

Info e prenotazioni al 349 1925942 (mattina), 081 296640(pomeriggio)

http://www.teatroelicantropo.com/home.asp

dal 16 al 19 gennaio 2020

Musica, maestro”

 di Manilio Santanelli 

diretto e interpretato da Roberto Azzurro


TEATRO GALLERIA TOLEDO – STABILE DI INNOVAZIONE

via Concezione a Montecalvario 34 – t. 081 425037 – 081425824

Non pervenuto


TEATRO NUOVO

via Montecalvario 16 – t. 081 4976267

http://www.teatronuovonapoli.it

17 gennaio

“Formiche”

testi di Filippo Giardina

produzione The Comedy Club
Per il linguaggio crudo e i temi trattati lo
spettacolo è consigliato ad un pubblico adulto
Da Giulio Andreotti fino a Leo Ferragni, passando per immigrati, gay, donne, nani e stragi di Stato… In questo spettacolo inedito Giardina non risparmia nessuno demolendo tutti i capisaldi della nostra società. Un monologo brillante di pura e autentica Satira come non se ne vedevano da tempo in Italia.

Sabato 18 gennaio 2020 alle ore 21.00

“Giovanni Block in 5et”

 inaugura Il Nuovo Suona Giovane 2020

L’artista partenopeo inaugurerà la quarta edizione della rassegna musicale, che proporrà quattro appuntamenti programmati fra i mesi di gennaio e maggio. L’artista partenopeo (voce, chitarra classica e flauto) sarà affiancato da Eunice Petito (pianoforte), Dario Maiello (basso), Giuseppe Donato (batteria) e Roberto Trenca (chitarra acustica).


SALA ASSOLI

Vico Lungo Teatro Nuovo, 110, 80134 Napoli NA – Telefono: 345 4679142

dal 17 al 19 gennaio 2020

”Napucalisse”

(oratorio in lettura)
di e con Mimmo Borrelli
musiche dal vivo Antonio Della Ragione
produzione Sciaveca Associazione Culturale
In condivisione con il Teatro Nuovo: “Malacrescita” di Mimmo Borrelli

In scena la Napoli condannata e la Napoli innocente, cui il drammaturgo e attore partenopeo dedica un canto di struggente potenza e intensa poesia. “Napucalisse”, oratorio in lettura di e con Mimmo Borrelli, con Antonello Della Ragione che esegue le musiche dal vivo, racconta di un vecchio Pulcinella che incontra un Vesuvio ridestatosi dal sonno, e un camorrista della peggior specie. L’autore-attore, in scena, interpreta ed espone la storia dell’amato e odiato Vesuvio, creatore di vita ed esecutore di giustizia, quella spietata che Dio stesso non può concepire poiché, inevitabilmente, coinvolge anche gli innocenti.

Date e orari
venerdì 17 gennaio 2020 ore 20:30
sabato 18 gennaio 2020 ore 20:30
domenica 19 gennaio 2020 ore 18


TEATRO NUOVO SANITÀ

Piazzetta S. Vincenzo 1 – 339 6666426

http://www.nuovoteatrosanita.it/ 

dal 17 al 19 gennaio

La rosa del mio giardino

scritto da Claudio Finelli
con Simone Borrelli e Riccardo Ciccarelli
regia Mario Gelardi
evento prodotto da Fondazione Donnaregina per le Arti Contemporanee
nell’ambito del progetto Piazza Madre
in collaborazione con Nuovo Teatro Sanità

È il 1922. Alla Residencia de Estudiantes, a Madrid, arriva un giovane impacciato, con l’aria un po’ trasognata. Ha diciotto anni e fa il pittore. Il suo nome è Salvador Dalí. Attira subito l’attenzione di un poeta di poco più grande di lui e molto in vista alla Residencia: Federico García Lorca. Tra i due nasce un’amicizia fatta soprattutto d’intesa intellettuale. Sono spiriti affini. È difficile dare un nome al tipo di relazione che univa i due artisti. Non si hanno prove di una vera e propria relazione romantica; e della corrispondenza tra i due restano soltanto alcune lettere di Dalí in risposta al poeta. Lorca, invece, scrisse Ode a Salvador Dalí dove è ben chiaro l’affetto per l’amico e l’ammirazione per il suo genio, e dove lo definisce “rosa del giardino”. Partendo dalle lettere ritrovate Mario Gelardi e Claudio Finelli hanno immaginato le lettere del poeta all’amico pittore. Poesia, pittura, amicizia, sentimenti che sfiorano l’amore, in un rincorrersi di parole e disegni.


TEATRO POLITEAMA

Via Monte di Dio 80 – Tel 081 7645001

http://m.teatropoliteama.it/ 

Non pervenuto


TEATRO PALAPARTENOPE – CASA DELLA MUSICA

Via C. Barbagallo 115 – T  081 5700008 – 081 7628216

http://teatro.palapartenope.it/

Non pervenuto


NUOVO TEATRO SANCARLUCCIO

via San Pasquale a Chiaia 49 – t. 081 4104467

http://www.nuovoteatrosancarluccio.it/

Dal 17 al 19 gennaio

“Casalinghe disperate sull’orlo di una crisi di nervi”

con Cinzia Mirabella 


AVANPOSTO NUMERO ZERO

Via Sedile di Porto, 55 (Via Mezzocannone, C.so Umberto) – 80134 Napoli

Non pervenuto


TEATRO IL POZZO E IL PENDOLO

Piazza S. Domenico Maggiore 3 – Tel: 081 5422088

https://www.ilpozzoeilpendolo.it/

18 gennaio

Montedidio

di Erri De Luca


NEST – NAPOLI EST TEATRO

via Bernardino Martirano 17 –  San Giovanni a Teduccio – Tel. 320 8681011

www.napoliestteatro.com 

dal 17 al 19 gennaio

“12 baci sulla bocca”

di Mario Gelardi
con Francesco di Leva / Emilio

Stefano Meglio / Antonio

Andrea Velotti / Massimo

Regia di Giuseppe Miale Di Mauro

Torna al Nest, in occasione dei #10anni della Compagnia, lo spettacolo
più amato del repertorio: “12 baci sulla bocca” di Mario Gelardi

Il testo non parla di fare outing, ma di interpretare l’alchimia di
un sentimento che nasce inaspettato. La trama è pretesto per raccontare una storia d’amore, semplice ed emozionante come ogni storia d’amore è. E poco importa se i protagonisti di questa storia sono due uomini, perché Emilio e Massimo sono il simbolo di una libertà che negli anni settanta era pura utopia e oggi è finta democrazia.

Siamo nella provincia soffocante e a volte disorientante napoletana degli anni 70’. Il conflitto politico e sociale che divide il paese
sembra lontano da queste terre. In questo ambito nasce “12 baci sulla bocca” che racconta l’incontro-scontro tra Emilio, lavapiatti dai
modi e dal linguaggio diretto e Massimo, fratello “ripulito” del proprietario di un ristorante. Massimo si sta per sposare con l’unica
donna che ha avuto nella sua vita, è a quel punto della vita in cui o ti lasci o ti sposi, Massimo si sposa. Emilio è giovane ed è
ricchione, perché era l’unico termine usato a Napoli per identificare un omosessuale. Emilio riesce a scardinare l’omosessualità assopita
malamente da Massimo. I loro incontri sono violenti al limite dello scontro fisico. I due ragazzi si nascondono, ma quel rapporto così
controverso, rappresenta, forse, l’unico momento di vero sentimento nella loro vita. Il loro è un ambiente in cui non è permessa alcuna
diversità, vigono leggi sociali e di branco che non permettono nulla al di fuori di una prassi consolidata. Ma gli occhi di Antonio, fratello di
Massimo, lo guardano dentro, sanno molto di più di quel fratello di quanto lui pensi. In quell’ambiente i problemi si risolvono in maniera
spicciola ed uno come Massimo, non può certamente essere un “ricchione di paese”.


THE BEGGARS’ THEATRE – IL TEATRO DEI MENDICANTI

Centro Asterix – Via D. Atripaldi 52, San Giovanni a Teduccio tel. 081 795 8139

Sabato 18 ore 20.30 e domenica 19 ore 18.30 gennaio

“Else, l’esercizio della resurrezione”

spettacolo di Gennaro Monti liberamente ispirato a La Signorina Else di Arthur Schnitzler. Sul palco, ad interpretare uno dei personaggi più noti  dello scrittore austriaco, Chiara Di Girolamo. 

Scritta nel 1924, La signorina Else è una spietata radiografia della società austriaca negli anni Venti, un misto di superficialità mondana e cupo cinismo. La gioventù di Else viene infatti bruscamente catapultata nei drammi della realtà adulta quando suo padre, un avvocato di successo col vizio del gioco d’azzardo, rischia l’arresto a causa di debiti ingenti. E sarà la madre stessa a invitarla a vendersi per salvare la famiglia.  Un testo che offre una profonda analisi di una società corrotta a partire dal nucleo familiare, una tragedia della coscienza moderna, che ha perso ogni valore e resta ancorata solamente ai propri istinti. Nell’adattamento di Gennaro Monti il dramma di Else torna attuale e la protagonista ripercorre la sua vita, sensuale, violenta, spietata ed eccessiva. Else richiama la sua storia e ne tira fuori la paura e la disperazione.


 TEATRO TAM

Gradini Nobile 1- trav. Via Giuseppe Martucci, 69 – 081 682814

Non pervenuto


TRAM – TEATRO RICERCA ARTE MUSICA

via Port’Alba 30, Napoli

info e prenotazioni: cell: 342 1785930 (anche whatsapp)
Non pervenuto


TIN
Vico Fico Purgatorio ad Arco 38, Napoli

349 2932028 – 345 4367809

Sabato 18 gennaio alle 21:00

Catch Imprò – Finalissima
The Beagles vs Le Sorelle Pastiera vs LA Banda Bassetti

In scena Luigi Bartilotti, Libera Carelli, Martina Di Leva, Livio Langella, Fernando Maresca, Daniele Mennella, Marianna Miele, Diego Purpo, Gennaro Raucci

Info e prenotazioni: 388.736.8422


ZTN

Vico Bagnara, 3a – t. 339 2805777

https://m.facebook.com/ZonaTeatroNaviganti/ 

Non pervenuto


TEATRO DEI LAZZARI FELICI
Vico Santa Maria dell’Aiuto 17

Info e prenotazioni: Tel 350 0121224 – 081 19256964 – www.lazzarifelici.it 

Non pervenuto


ARCA’S TEATRO

via Veterinaria 63, Napoli

info: 346 2100916 oppure 340 3782113

Non pervenuto


TEATRO SALVO D’ACQUISTO

Via Morghen 60 – info 366 7432192

Non pervenuto


TEATRO SALA ICHOS

via Principe di Sannicandro 32/A, San Giovanni a Teduccio (Napoli)

tel. 081 275945 – www.ichoszoeteatro.it

Non pervenuto


TEATRO DEI PICCOLI DI NAPOLI

Via A. Usodimare 200 – Telefono: 081 2395653

Non pervenuto


TEATRO TROISI

Via Leopardi 192

Info e prenotazioni al botteghino tel. 081 629908 – 334 6917571

Non pervenuto


QUARTIERI AIROTS – TEATRO dei 63

via Carlo De Cesare 9 e 30 Napoli

info e prevendite: 081 18498998

Non pervenuto


SCUGNIZZO LIBERATO – Organizzazione comunitaria

Salita Pontecorvo 46 – Napoli

Non pervenuto


GRAN SALONE MARGHERITA

Via S. Brigida 65 Napoli

tel. 081 5514154 – cell. 366 2506981

Non pervenuto


TEATRO CERCA CASA

Info e prenotazioni 334 3347090 -347 0963808 – 081 5782460

Venerdì 17 gennaio ore 20.30

“Reflexoes”

di Catherine Lee e Francesco Scelzo

 Reflexoes è il titolo dell’album della violoncellista coreana Catherine Lee, coadiuvata dal chitarrista campano Francesco Scelzo, che verrà presentato in anteprima a Casa Bonadies a Portici. 

 L’evento è realizzato in collaborazione con BLab, per partecipare è necessaria la prenotazione chiamando ai numeri 3343347090 – 3470963808 – 081 5782460, oppure attraverso il sito www.ilteatrocercacasa.it


TEATRO IL PICCOLO

 Fuorigrotta – Napoli in Piazzale Vincenzo Tecchio 3

Telefono: 081 5932381 – www.teatroilpiccolo.it/

Non pervenuto


TEATRO POSILLIPO

via Posillipo 66 – Napoli

Info: Tel. 081 7691742 – www.teatroposillipo.it/

Non pervenuto


TEATRO MEDITERRANEO

Mostra d’Oltremare – Viale Kennedy 54

Non pervenuto


TEATRO CENTRO ESTER

Via Giambattista Vela 91 – Napoli

INFO: 081 5653111

Non pervenuto


TEATRO SPAZIO LIBERO

via del Parco Margherita 28 – Napoli

Telefono: 081 402712

Non pervenuto


 TEATRO CORTESE

 Viale del Capricorno 4 – Napoli

Sabato 18 alle ore 18 e domenica 19 gennaio alle ore 18,30

“Variazioni enigmatiche”

di Eric Emmanuel Schmitt per la regia di Aniello Mallardo, prodotto da Teatro in Fabula.

“Variazioni enigmatiche” è unanimemente considerato uno dei più bei testi teatrali degli ultimi anni. E’ un thriller psicologico, costruito per affascinare il pubblico fin dalle prime battute e lasciarlo fino all’ultimo con il fiato sospeso per scoprire il mistero che lega i due protagonisti della vicenda e che si svelerà solo alla fine dopo un crescendo di sorprendenti colpi di scena.E’ un confronto – a momenti aspro e a tratti tenero e serrato – sui grandi temi universali dell’esistenza tra i due uomini che sono indissolubilmente legati tra loro da una donna che non compare mai, pur essendo la vera protagonista della storia.

In scena Gianni Caputo e Mario Troise.

Costumi di Anna Verde. Scene di Sissi Farina. Prodotto da Teatro in Fabula.

Prevendita con semplice prenotazione whatsupp al 3387072611 o 3387398723


Indice dei teatri della provincia di Napoli, e delle città di Salerno, Caserta, Benevento e Avellino e province

PROVINCIA DI NAPOLI

TEATRO ITALIA DI ACERRA

Via Francesco Castaldi 13 – Acerra – Info 081 8857258 – 3333155417

Giovedì 16 gennaio ore 20:45

“Verso il mito…Edith Piaf”

di Gianmarco Cesario, Antonio Mocciola
con Francesca Marini, Massimo Masiello
regia Gaetano Liguori

Parlare di Edith Piaf, senza entrare nell’iperrealismo, col rischio della narrazione didascalica che occhieggi alla fiction (già abbondantemente utilizzata sia in cinema che in teatro), a questo punta lo spettacolo dove la donna Edith si confronta con il suo mito, l’immortalità della sua figura e della sua arte con la fine della sua vita umana.  Il testo, pensato e scritto per due interpreti di grande spessore, quali Francesca Marini e Massimo Masiello, rispettivamente nei ruoli della Piaf e di tutti gli uomini (o uno solo?) che con lei hanno cantato e vissuto, che grazie a lei hanno avuto la possibilità di provare cosa significhi attraversare l’amore, l’arte, la gioia e il dolore.


TEATRO ROSTOCCO

Corso Italia 124 – Acerra

Info 347 9204605


TEATRO IL PRINCIPE

Via Ripuaria 63 – Contrada Scafati, Varcaturo – Giugliano in Campania

Info e prenotazioni: 338 5429619 – 360 755690


CENTRO TEATRO SPAZIO

Via San Giorgio Vecchio 23/31 (San Giorgio a Cremano)

tel: 081 5744936


TEATRO DON PEPPE DIANA

viale Tiziano 15 – Portici (Na)

+39 331 4251373 – www.teatrodonpeppediana.org


CAOS TEATRO

  Via Della Libertà – 412C – Villaricca (NA)

  Cell: 328 4566017

Domenica 19 gennaio 2020 ore 19

“Fosco (storia de nu matto)”

 scritto, diretto e interpretato da Peppe Fonzo, musiche di Flavio Feleppa

“Fosco lu matto” è un personaggio ai margini, il pazzo-buffone che tutti deridono, sempre insultato e bastonato, un disadattato che brucia solitudine. Prima era uno come gli altri, con un lavoro, una casa, una vita monotona e integrata nella comunità, ma un giorno impazzisce e diventa “lu scemo de lu paese” e nessuno si chiede il perché anzi, pare che per tutti sia meglio così; un uomo che sceglie l’isolamento mentale per sfuggire alla desolazione dell’isolamento geografico.


TEATRO BARONE DI MELITO DI NAPOLI

Via Don Raffaele Abete 28/42 – Melito di Napoli (NA)

Info 081 19259815


TEATRO UMBERTO DI NOLA

Via Giordano Bruno 17 – Nola

info 081 8231622


TEATRO DE ROSA

Via Lupoli 60, Frattamaggiore – Napoli

Info biglietteria 349 0824959 – 347 7227323


TEATRO MAGIC VISION DI CASALNUOVO

Viale dei Tigli – Casalnuovo di Napoli

Info 081 8030270, 329 2180679


TEATRO GLORIA di POMIGLIANO D’ARCO

 Via Carlo Poerio 3 – Pomigliano d’Arco NA

Info 081 8843409


TEATRO AUDITORIUM SAVIANO

Via Falcone e Borsellino – Saviano – (Napoli)

Info e prenotazioni: 334 6917571


TEATRO MINERVA DI BOSCOREALE

Info 339 2401209 – 338 1890767

Martedì 14 gennaio ore 20:45

Biagio Izzo in

“Tartassati dalle tasse”

una commedia scritta e diretta da Eduardo Tartaglia

con Mario Porfito, Magdalena GrochowskaArduino Speranza, Roberto Giordano, Adele Vitale.

Giulio Andreotti soleva dire che l’Umiltà, che di per sé costituisce una grande virtù, si trasforma in una vera iattura quando gli Italiani la praticano in occasione della loro dichiarazione dei debiti. “Io le tasse le pagherei. Ed anche volentieri! Se solo peròpoi le cose funzionassero veramente!…”


CINEMA TEATRO POLITEAMA DI TORRE ANNUNZIATA

Corso Vittorio Emanuele III 374 – Torre Annunziata

Info 081 8611737 – 338 1890767


TEATRO DI COSTANZO MATTIELLO DI POMPEI

Via Sacra 37 – Pompei

Info 081 8577725 – 333 7361628

Da venerdì 17 a domenica 19 gennaio
(feriali ore 20.30, festivi ore 18.15)

Francesca Marini in

“Mia cara città”
recital live
pianoforte e tastiere Antonello Cascone chitarre Claudio Romano
regia Gaetano Liguori

Dopo le splendide produzioni targate Teatro Totò degli ultimi anni, che l’hanno vista interpretare repertori diversi come il musical o la canzone italiana d’autore, senza dimenticare lo straordinario spettacolo “Verso il mito” dedicato alla Piaf, Francesca Marini, con “Mia cara città” recital live in due tempi, ripercorre canzoni, aneddoti e poesie tra le più belle scritte nel primo 900.  Canzoni rese famose dai più grandi poeti dell’epoca come Di Giacomo, Bovio, E. A. Mario, Tagliaferri, Gambardella etc. , per risalire poi fino ai nostri tempi con canzoni di bravi autori contemporanei che sulla scia dei loro predecessori hanno descritto in modo più moderno il cambiamento e il linguaggio musicale della nostra bella e cara città.


TEATRO DELLE ROSE DI PIANO DI SORRENTO

Via delle Rose 35 – Piano di Sorrento

info 081 8786165


TEATRO COMUNALE TASSO di SORRENTO

Piazza Sant’Antonino 25 – Sorrento NA – Telefono: 081 18096772


SALERNO E PROVINCIA

TEATRO NUOVO di SALERNO

Via Valerio Laspro 10 – Salerno

info 089 220886

Sabato 18 ore 21:00 e domenica 19 gennaio ore 18:30

Gino Cogliandro in

“Forse a volte ritornano…per amore”

commedia comica in due atti di Gino Cogliandro con
Ugo Piastrella, Margherita Rago, Ciro Girardi, Aldo Flauto, Patrizia Capacchione, Lucia Ronca, Antonello Cianciulli
regia Ugo Piastrella

Saverio Maggio, un maturo compositore e musicista di grande successo, torna a vivere a Napoli, sua città natale dopo 40 anni di permanenza a Milano. Non si è mai sposato e non ha più parenti, decide quindi di prendere in fitto un appartamento in un antico palazzo napoletano.  Le petulanti frequenti visite di un improbabile agente immobiliare e le improvvise incursioni di strampalati vicini di casa, portano all’esasperazione il povero protagonista in cerca di riposo e tranquillità. La storia diventa intrigante e surreale quando al malcapitato protagonista appare più volte, misteriosamente,  una bella donna, che gli rivela di essere stata sua moglie nelle sue precedenti vite. Poiché le apparizioni sono viste solo da lui, si convince di essere in preda a delle allucinazioni e decide di rivolgersi ad una bella psicanalista che lo prende in cura; ma ben presto anche la psicanalista sarà coinvolta in prima persona nelle visioni di Saverio mettendo in dubbio la sua stessa professione.


TEATRO VERDI di SALERNO

Piazza Matteo Luciani – Salerno

info 089 662141


TEATRO DIANA/SALA PASOLINI di SALERNO

Lungomare Trieste 13 – Via Alfonso Alvarez – Salerno

Info 089 662141 –  089 5648707 – 379 1660265


TEATRO GENOVESI

via Principessa Sichelgaita 12, Salerno

Per info e prenotazioni: 338 2041379

Sabato 18 alle ore 21.15 e domenica 19 gennaio alle ore 19

“Un poeta un po’ beta” 

spettacolo di e con Roberto Lombardi

“Si fa presto a dire poeta. Anche in un paese come il nostro di poeti e navigator la poesia sembra sparita dalle personali abitudini di lettura – scrive Lombardi nelle note di presentazione – Sopravvive nella canzone – il premio Nobel a Bob Dylan va in questa direzione, e l’Accademia di Svezia, che non manca di prendere abbagli, sa anche registrare con lungimiranza tendenze della letteratura contemporanea”. Lombardi, a sua volta poeta e scrittore oltre che attore, regista e sceneggiatore, tiene da decenni laboratori sulla cosiddetta “scrittura creativa”. “Un poeta un po’ beta” è il frutto del lavoro degli incontri con scolaresche di ogni ordine e grado, con insegnanti in corsi di formazione e con aspiranti scrittori in laboratori linguistici.


TEATRO DELLE ARTI di SALERNO

Via Guerino Grimaldi 7 – Salerno

info 089 221807 – 320 2659282 – www.teatrodellearti.com

Sabato 18 ore 21:00 e domenica 19 gennaio ore 18:30

Leo Gullotta in

“Pensaci, Giacomino”

di Luigi Pirandello
con Federica Bern, Francesco Maccarinelli, Bruno Conti, Rita Abela Sebastiano Tringali, Sergio Mascherpa, Chiara Cavalieri regia Fabio Grossi

Pensaci Giacomino nasce in veste di novella del 1915 per poi avere la sua prima edizione teatrale, in lingua, nel 1917. Tutti i ragionamenti, i luoghi comuni, gli assiomi pirandelliani sono presenti in questa opera. Un testo di condanna, condanna di una società becera e ciarliera, dove il gioco della calunnia, del dissacro e del bigottismo e sempre pronto ad esibirsi. La storia racconta di una fanciulla che rimasta incinta del suo giovane fidanzato non sa come poter portare avanti questa gravidanza, il professore Toti pensa di poterla aiutare chiedendola in moglie e potendola poi così autorizzare a vivere della sua pensione il giorno che lui non ci sarà più. Naturalmente la società civile si rivolterà contro questa decisione anche a discapito della piccola creatura che nel frattempo è venuta al mondo. Finale pirandelliano pieno Di amara speranza, dove il giovane Giacomino prenderà coscienza del suo essere, del suo essere uomo, del suo essere padre e andrà via da quella casa che lo tiene prigioniero, per vivere la sua vita con il figlio e con la giovane madre.


TEATRO AUGUSTEO di SALERNO

Piazza Amendola – Salerno

Info 089 662141 – 329 2731774


TEATRO RIDOTTO

Via Guerino Grimaldi, 7, 84126 Salerno SA

Telefono: 089 233998 – 327 4934684 


PICCOLO TEATRO DEL GIULLARE

Via Matteo Incagliati, 2, 84125 Salerno

Telefono: 089 220261

Sabato 18 alle ore 21 e domenica 19 gennaio alle ore 18.30

“Tu Musica Assassina”

Dopo il successo del debutto, lo spettacolo firmato alla regia da Uto Zhali continua a dar voce e “colore” a quanto scritto da Manlio Santanelli. In scena Marco VillaniFlavia Palumbo, Salvatore Albano, Andrea Bloise e Concita De Luca. Luci e musiche di Virna Prescenzo. Scenografia di Francesco Maria Sommaripa; costumi di Paolo Vitale. “È una divertente e intelligente riflessione sulle manie di una società che si nutre di stereotipi e cliché ponendosi domande che affondano nel vacuo e nell’immaginifico dove i modelli di vita sono diventati i proverbi ovvero quello che dice la gente”, scrive il regista Uto Zhali nelle sue note. Santanelli, 82 anni l’11 febbraio prossimo, ha costruito un raffinato gioco sui rapporti tra musica classica e contemporanea che dà vita ai deliziosi dialoghi–litigi tra i due coniugi interessando il pubblico curioso di sapere se Alda ed Eufemio riusciranno ad ottenere – costi quel che costi – il tanto desiderato abbonamento agli “Amici della musica”.


AUDITORIUM CENTRO SOCIALE di SALERNO

Via Cantarella, 22 – località Pastena

INFO E PRENOTAZIONI: 329 4022021


TEATRO ANTONIO GHIRELLI

Viale A. Gramsci (Parco Urbano dell’Irno) – Salerno

329 4022021 – www.erreteatro.it


TEATRO IL PICCOLO di CAVA DE’ TIRRENI

Piazza V. Emanuele II

Info: 334 5989871 – arcoscenicoassociazione@gmail.com


SALA TRUFFAUT di GIFFONI VALLE PIANA

Via Paolo Scarpone 8 – Tel. 394 611502 www.giffoniteatro.it


TEATRO S. ALFONSO MARIA DE’ LIGUORI di PAGANI

Piazza S. Alfonso – Pagani

Info 081 5158061, 338 1890767


TEATRO DEL CENTRO SOCIALE di PAGANI

Via Alcide de Gasperi – Pagani

Tel. 081 5152931


TEATRO DIANA di NOCERA INFERIORE

Piazza Guerritore 17 – Nocera Inferiore

info 334 7009811


TEATRO ALDO GIUFFRE’ di BATTIPAGLIA

 Via Guicciardini 35 – Battipaglia (SA) Telefono: 338 1914455


TEATRO LA PROVVIDENZA di VALLO DELLA LUCANIA

 Via Valenzani 37 – Vallo della Lucania

info 0974 717089

Giovedì 16 gennaio ore 20:45

Leo Gullotta in

“Pensaci, Giacomino”

di Luigi Pirandello
con Federica Bern, Francesco Maccarinelli, Bruno Conti, Rita Abela Sebastiano Tringali, Sergio Mascherpa, Chiara Cavalieri
regia Fabio Grossi

Pensaci Giacomino nasce in veste di novella del 1915 per poi avere la sua prima edizione teatrale, in lingua, nel 1917. Tutti i ragionamenti, i luoghi comuni, gli assiomi pirandelliani sono presenti in questa opera. Un testo di condanna, condanna di una società becera e ciarliera, dove il gioco della calunnia, del dissacro e del bigottismo e sempre pronto ad esibirsi. La storia racconta di una fanciulla che rimasta incinta del suo giovane fidanzato non sa come poter portare avanti questa gravidanza, il professore Toti pensa di poterla aiutare chiedendola in moglie e potendola poi così autorizzare a vivere della sua pensione il giorno che lui non ci sarà più. Naturalmente la società civile si rivolterà contro questa decisione anche a discapito della piccola creatura che nel frattempo è venuta al mondo. Finale pirandelliano pieno Di amara speranza, dove il giovane Giacomino prenderà coscienza del suo essere, del suo essere uomo, del suo essere padre e andrà via da quella casa che lo tiene prigioniero, per vivere la sua vita con il figlio e con la giovane madre.


CINEMA TEATRO ITALIA di EBOLI

Via Umberto Nobile 46 – Eboli

Info 0828 365333


TEARO EDUARDO DE FILIPPO di AGROPOLI

 Via Taverne – Agropoli Info 0974 282362, 338 3096807


TEATRO COMUNALE MARIO SCARPETTA di SALA CONSILINA

Info 349 8713124


CASERTA PROVINCIA

TEATRO LENDI

via A. Volta 176 (strada provinciale Grumo Nevano-Sant’Arpino)

Dal 15 al 17 gennaio ore 21

Massimo Lopez e Tullio Solenghi in

“Massimo Lopez e Tullio Solenghi Show”

scritto da Lopez e Solenghi, in palcoscenico con la Jazz Company, diretta dal maestro Gabriele Comeglio.


NOSTOS TEATRO

Viale J. F. Kennedy 137, trav. Brodolini, 6 – Aversa (CE)

Info e Prenotazioni: 081 19169357– 389 2471439

Sabato 18 gennaio alle ore 21

“Cabaret”

Il Nostos Teatro si trasforma in un grande bus pieno di sorprese: ogni stanza e antro si fa teatro. Lo spettacolo, ormai parte del teatro del Bus Theater, nasce dal desiderio di indagare il sentimento della “festa sull’orlo della catastrofe”, attraverso l’approfondimento e la rielaborazione di un genere mai tramontato, dalle infinite possibilità combinatorie: il Cabaret o varietà. Questo inteso come spettacolo totale ed essenziale allo stesso tempo, che tutto e tutti comprende, dal circo al teatro, dai freaks alla tradizione della Napoli ottocentesca dei Cafè Chantant, alla suggestione dei Cabaret “da bettola” tedeschi di inizio ‘900. Mentre fuori cresceva l’enorme spettro della seconda guerra mondiale, dentro i Cabaret l’euforia e l’ebbrezza impazzavano, quasi a inneggiare la nuova epoca. Anche adesso l’umanità sembra sull’orlo di un qualche baratro, lo spettro di un’apocalisse globale si affaccia oggi come allora sull’umanità. Un’umanità che intanto invece ha voglia di ridere, godere, non pensare, sentirsi o essere libera. Una grande, esagerata, grottesca, misera folla di artisti di burlesque, teatro, giocoleria, acrobatica aerea, attori, saltimbanchi, burattinai vi stupiranno sul palcoscenico del gran carrozzone Bus Theater.


TEATRO AUDITORIUM TOMMASIELLO di TEANO

Viale Italia- Teano

info 0823 885096 – 333 3782429

Venerdì 17 gennaio ore 20:45

Leo Gullotta in

“Pensaci, Giacomino”

di Luigi Pirandello
con Federica Bern, Francesco Maccarinelli, Bruno Conti, Rita Abela Sebastiano Tringali, Sergio Mascherpa, Chiara Cavalieri regia Fabio Grossi

Pensaci Giacomino nasce in veste di novella del 1915 per poi avere la sua prima edizione teatrale, in lingua, nel 1917. Tutti i ragionamenti, i luoghi comuni, gli assiomi pirandelliani sono presenti in questa opera. Un testo di condanna, condanna di una società becera e ciarliera, dove il gioco della calunnia, del dissacro e del bigottismo e sempre pronto ad esibirsi. La storia racconta di una fanciulla che rimasta incinta del suo giovane fidanzato non sa come poter portare avanti questa gravidanza, il professore Toti pensa di poterla aiutare chiedendola in moglie e potendola poi così autorizzare a vivere della sua pensione il giorno che lui non ci sarà più. Naturalmente la società civile si rivolterà contro questa decisione anche a discapito della piccola creatura che nel frattempo è venuta al mondo. Finale pirandelliano pieno Di amara speranza, dove il giovane Giacomino prenderà coscienza del suo essere, del suo essere uomo, del suo essere padre e andrà via da quella casa che lo tiene prigioniero, per vivere la sua vita con il figlio e con la giovane madre.


TEATRO GARIBALDI di SANTA MARIA CAPUA VETERE

Corso Giuseppe Garibaldi 78 – Santa Maria Capua Vetere

Info 0823 799612


TEATRO RICCIARDI di CAPUA

 Largo Porta Napoli – Capua

Info 0823 963874


TEATRO COMUNALE COSTANTINO PARRAVANO di CASERTA

Via Giuseppe Mazzini 71 – Caserta

info 0823 444051

Da venerdì 17 a domenica 19 gennaio

“Mine Vaganti”

uno spettacolo di Ferzan Ozpetek

con Francesco Pannofino, Paola Minaccioni,  Arturo Muselli, Giorgio Marchesi, e Caterina Vertova
e con (in o.a.) Roberta Astuti, Sarah Falanga, Mimma LovoiFrancesco Maggi, Luca Pantini, Edoardo Purgatori

Ferzan Ozpetek firma la sua prima regia teatrale mettendo in scena l’adattamento di uno dei suoi capolavori cinematografici, vincitore di 2 David Di Donatello, 5 Nastri D’Argento, 4 Globi D’Oro, Premio Speciale della Giuria al Tribeca Film Festival di New York, Ciak D’Oro come Miglior Film. Il giovane Tommaso torna nella grande casa di famiglia a Lecce con l’intenzione di comunicare al variegato clan dei parenti chi veramente è: un omosessuale con ambizioni letterarie e non un bravo studente di economia fuori sede come tutti credono. Ma la sua rivelazione viene bruciata sul tempo da una rivelazione ancora più inattesa e scioccante del fratello Antonio. Tommaso è costretto a fermarsi a Lecce, rivedere i suoi piani e lottare per la verità, contro un mondo familiare pieno di contraddizioni e segreti.


TEATRO CIVICO 14

Via Francesco Petrarca 25 – Caserta

Info e prenotazione biglietti: 0823 441399


PALAZZO DELLE ARTI di CAPODRISE

Via Giannini 30, Capodrise (Caserta)

info: 366 6212013


FAZIOPENTHEATER – PALAZZO FAZIO

via Seminario (centro storico) – Capua (CE)

info: 338 9924524 – 334 3638451

Sabato 18  ore 20.30 e domenica 19 gennaio 2020 ore 18.30

“1799 – La Rivoluzione Napoletana”

Coreografie di Gisela Fantacuzzi. Ideazione e Regia di Giandomenico Sale

Interpreti: Gisela Fantacuzzi– Giandomenico Sale

Direzione tecnica: Marco Franzini

La danza incontra il teatro e insieme si fondono e danno vita allo spettacolo “1799 – La Rivoluzione Napoletana”, performer che attraverso il loro corpo raccontano quello che è stato il periodo storico vissuto nell’Italia Meridionale alla fine del 700. Musiche e canti dal vivo, voci fuori campo, danze e movimenti si fondono in un linguaggio contemporaneo riportando alla memoria o a render noto allo spettatore, quella che è stata e la valenza storica della Rivoluzione Napoletana.


AVELLINO PROVINCIA

TEATRO CARLO GESUALDO di AVELLINO

Piazza Castello – Avellino

info 0825 771620, 389 2932553

Sabato 18 ore 21:00 e domenica 19 gennaio ore 18:00

“Massimo Lopez & Tullio Solenghi Show”

scritto da Massimo Lopez e Tullio Solenghi
con la Jazz Company diretta dal M° Gabriele Comeglio
Massimo Lopez e Tullio Solenghi tornano insieme sul palco dopo 15 anni come due vecchi amici che si ritrovano, in uno Show di cui sono interpreti ed autori, coadiuvati dalla Jazz Company del maestro Gabriele Comeglio, che esegue dal vivo la partitura musicale: uno spettacolo che dopo due stagioni trionfali in cui si sono superate le 200 repliche, si avvia alla terza con sempre rinnovata passione. Ne scaturisce una scoppiettante carrellata di voci, imitazioni, scketch, performance musicali, improvvisazioni ed interazioni col pubblico. Tra i vari cammei, l’incontro tra papa Bergoglio(Massimo) e papa Ratzinger (Tullio) in un esilarante siparietto di vita domestica, o quello di Maurizio Costanzo con Giampiero Mughini; e poi i duetti musicali di Gino Paoli e Ornella Vanoni, e quello di Dean Martin e Frank Sinatra, che ha sbancato la puntata natalizia di “Tale e Quale Show” del 2016, dalla quale è scaturito il desiderio di tornare sulle scene insieme. In quasi due ore di spettacolo, Tullio e Massimo, da “vecchie volpi del palcoscenico”, si offrono alla platea con l’empatia spassosa ed emozionale del loro inconfondibile “marchio di fabbrica”.


TEATRO COMUNALE di LACEDONIA

Corso Augustale 270 – Lacedonia

info 334 6632836 – 333 7448095


BENEVENTO E PROVINCIA

CINEMA TEATRO MODERNISSIMO di TELESE

Via Giuseppe Garibaldi 38 – Telese

Info 0824 976106

Mercoledì 15 gennaio ore 20:30

Leo Gullotta in

“Pensaci, Giacomino”

di Luigi Pirandello
con Federica Bern, Francesco Maccarinelli, Bruno Conti, Rita Abela Sebastiano Tringali, Sergio Mascherpa, Chiara Cavalieri
regia Fabio Grossi

Pensaci Giacomino nasce in veste di novella del 1915 per poi avere la sua prima edizione teatrale, in lingua, nel 1917. Tutti i ragionamenti, i luoghi comuni, gli assiomi pirandelliani sono presenti in questa opera. Un testo di condanna, condanna di una società becera e ciarliera, dove il gioco della calunnia, del dissacro e del bigottismo e sempre pronto ad esibirsi. La storia racconta di una fanciulla che rimasta incinta del suo giovane fidanzato non sa come poter portare avanti questa gravidanza, il professore Toti pensa di poterla aiutare chiedendola in moglie e potendola poi così autorizzare a vivere della sua pensione il giorno che lui non ci sarà più. Naturalmente la società civile si rivolterà contro questa decisione anche a discapito della piccola creatura che nel frattempo è venuta al mondo. Finale pirandelliano pieno Di amara speranza, dove il giovane Giacomino prenderà coscienza del suo essere, del suo essere uomo, del suo essere padre e andrà via da quella casa che lo tiene prigioniero, per vivere la sua vita con il figlio e con la giovane madre.


TEATRO MASSIMO di BENEVENTO

 Via Giovan Battista Perasso 3 – Benevento

info 0824 316559