Stanotte ritorna l’ora solare, alle tre dovremo spostare indietro di un ora le lancette dell’orologio, tornando a rispettare l’orientazione della Terra rispetto al Sole e recuperando un ora di sonno.

L’ora legale, ricordiamo, è una convenzione usata per risparmiare energia elettrica nelle ore serali, sfuttando al massimo e nel miglior modo, la maggiore luce solare, in determinati periodi dell’anno. Essa è adottata da tutti gli stati europei, con adattamenti dovuti ai diversi fusi orari, mentre poco usata in Africa e nei paesi tropicali perché determinerebbe un vantaggio minimo, in quanto le ore di luce sono quasi le stesse  durante tutto l’anno. Solo l’Argentina non utilizza questa possibilità, mentre pochissimi stati adottano perennemente l’ora legale. Altra curiosità: sempre per convenzione, vengono spostate le lancette in orari di tarda notte perché i trasporti aerei, ferroviari ed altri servizi di pubblica utilità legati agli orari, sono ridotti al minimo, riducendo così i disallineamenti rispetto agli orari programmati.

Occhio solo al maggiore livello di stress, a cefalee, sbalzi di umore,  nausee, giramenti di testa, dovuti al “jet lag”.