La stagione 2018 Controsegno apre con un’esposizione variegata e originale, la bipersonale della cilena Maria Angélica Mirauda e della napoletana Maria Sabetti. Apparentemente le due artiste sono molto diverse tra loro, esprimendosi, l’una attraverso l’incisione, l’altra, per mezzo della ceramica, eppure, a ben vedere, tante sono le affinità che le accomunano. Innanzitutto le due Maria, da vere artiste, pur essendo ben piantate con i piedi su questa terra, con le loro opere vivono in una sorta di universo parallelo e fantasioso composto da oggetti fantastici che appartengono alla nostra quotidianità: teiere, tazzine, scarpe, animali vari, personaggi fluttuanti nell’aria tra mille colori, concorrono a restituirci un ritratto della realtà piacevole e giocoso. In funzione di questa mostra, le due artiste, seppure in continenti ben distanti tra loro, hanno lavorato in tandem, ispirandosi a vicenda, da qui il titolo Specchi a confronto, laddove, l’immagine incisa della Mirauda, diviene fonte di ispirazione per la Sabetti, le cui ceramiche e simboli scaramantici partenopei sono poi rappresentati nelle matrici della cilena, in un gioco continuo di rimandi e riflessi.

Sabato 24 febbraio 2018, alle ore 18.00, si inaugura la mostra di Maria Angélica Mirauda e Maria Sabetti, a cura di Veronica Longo, presso Atelier Controsegno, in Via Napoli 201, Pozzuoli, Napoli (Lungomare Bagnoli, stazione Cumana Dazio). Per l’occasione, il cantautore e scrittore Valerio Bruner, accompagnato da Andrea Russo, presenta la performance musicale, Down the river.

Al confine tra realtà e sogno, si introduce la performance musicale di Valerio Bruner & The Dirty Wheels: già ospiti di Controsegno nel 2017, ora sono un gruppo più ampio e si presentano in diverse vesti e formazioni, a seconda della location e delle occasioniNascono inconsapevolmente, quando Valerio Bruner inizia a buttare giù le prime canzoni poi diventate la colonna sonora di Nonsense a Nord del Tamigi, spettacolo teatrale portato in scena con la sua compagnia Te.Co. Teatro di Contrabbando, vincitore nel 2015 della rassegna Stazioni d’Emergenza indetta dal Teatro Stabile d’Innovazione Galleria Toledo di Napoli. Per la serata, si esibiscono Valerio Bruner (voce, chitarre acustiche, armonica) e Andrea Russo (chitarre elettriche) in un folk-rock che narra le vicende di un’anima persa nel fiume, metafora e riflesso della vita e di un viaggio composto da melodie e parole, storie di condanne e redenzioni, alla ricerca di una seconda opportunità…

Un evento imperdibile, ma anche un mese dedicato all’arte in cui, Controsegno diventa lo spazio per i corsi di Grabado verde (3-4 e 10-11 marzo) e Ceramica in sfoglie e smaltature (17 e 22 marzo): il finissage di sabato 24, con la performance Pez della Mirauda alle ore 18:00, chiude così degnamente il ciclo perché l’estro ha mille volti e sfaccettature, a seconda dei gusti e colori!

 

La mostra è aperta fino al 24 marzo, dal martedì al sabato 16.30-20.00. Lunedì e festivi chiuso. INGRESSO GRATUITO. Info: 3398735267 – controsegno@libero.it – www.controsegno.com – FB: AtelierControsegno – Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/2071931273039708/