Chi crede che a dicembre, periodo clou delle vacanze natalizie, le iniziative collegate alla scuola subiscano una battuta di arresto, si sbaglia di grosso.

È di questo mese, infatti, la campagna dell’associazione no profit Junior Achievement Italia per la Regione Campania Sostieni una Scuola.

Si tratta di un vero e proprio adottare a distanza” una classe o un istituto scolastico, da parte di singoli o di aziende, in modo da tessere un filo diretto con alunni, dirigenti e specifici territori in un momento di criticità senza precedenti, con contributi di almeno 250 euro, per un massimo di 2.500 euro, a seconda del tipo di sostegno offerto.

Ecco una nuova freccia all’arco della Junior Achievement, la più vasta organizzazione no profit al mondo incentrata sull’educazione economico-imprenditoriale nella scuola, presente in 122 Paesi, in grado di raggiungere più di 10 milioni di studenti al mondo e che dal 2002 ha costituito un network rilevante anche nel nostro Paese.

La Junior Achievement Italia ha una mission precisa: favorire la didattica laboratoriale. Il che che significa, da un lato, coinvolgere i ragazzi, rubando terreno alla dispersione scolastica e, dall’altro, accompagnarli nella transizione da un’impostazione scolastica ad un’altra più squisitamente professionale.

Antonio Perdichizzi, Presidente di Junior Achievement Italia, ha dichiarato: “Siamo sempre rimasti al fianco della scuola anche nel pieno della fase emergenziale e continuiamo a esserlo con i nostri percorsi sull’imprenditorialità, di orientamento e di finanza personale, ora fruibili in modo completamente digitale. Con questa nuova iniziativa vogliamo offrire un ulteriore supporto alla scuola soprattutto in quei territori dove l’elevata dispersione scolastica si unisce alla necessità di un aiuto vero in termini di infrastrutture”. Ha aggiunto, poi, che “L’obiettivo di questa campagna è guidare i giovani nello sviluppo di competenze necessarie per affrontare il proprio futuro lavorativo e sostenere lo sviluppo economico e sociale in cui vivono”.

Insomma, il messaggio della Junior Achievement Italia sembra molto chiaro:la scuola è un bene di tutti e tutti possono sostenerla. Nessuno escluso.