Inaugurata a Castel dell’ovo la personale “Sospensioni” del maestro Andrea Massaro a cura di Marina De Feo

Mostra antologica di grande valenza culturale, sociale ed artistica

E’ stata inaugurata lo scorso giovedì 9 giugno, nella prestigiosa Sala delle Terrazze di Castel dell’Ovo a Napoli, la personale di Andrea Massaro “Sospensioni“, mostra antologica di pitture, sculture, grafiche e libri d’artista.

La mostra è patrocinata dalla Presidenza del Consiglio Regionale della Campania e dal Comune di Napoli in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli ed è curata da Marina De Feo. Tra i diversi personaggi illustri appartenenti al mondo dell’arte, dei media, dell’associazionismo, della politica e delle istituzioni locali intervenuti al vernissage: l’On. Alfonso Longobardi Vice Presidente della Commissione Bilancio e Finanza Demanio e Patrimonio, l’Assessore alla Cultura del Comune di Napoli Nino Daniele, collezionisti, appassionati d’arte e i numerosissimi amici.

Vernissage saluto sospensioni

Con “Sospensioni” prende il via un ciclo di incontri, di eventi e di scambi culturali che nascono dall’unione delle sinergie tra la curatrice Marina De Feo e la Prof.ssa Antonella Giordano. L’obiettivo è quello di promuovere e dare un ulteriore slancio agli scambi culturali ed artistici tra la città di Napoli e Grosseto, città di adozione sia per il maestro Massaro che per la Prof.ssa Giordano.

Andrea Massaro proviene dal vivace salotto culturale del maestro Antonio Tammaro, celebre pittore e scultore del novecento che, trasferitosi negli anni novanta da Napoli in Maremma, insieme alla nipote Antonella Giordano, ha sempre incentivato e favorito gli scambi culturali tra la Toscana e la Campania.

Migrazione 2015

La Prof.ssa Giordano mutua da questa radicata tradizione familiare l’impegno, ma anche il forte desiderio, di promuovere e favorire la cooperazione culturale tra le diverse culture e regioni. Realtà diverse a confronto per far circolare, rendere fruibile e diffondere il concetto di scambio culturale tra le diverse culture, amministrazioni, istituzioni ed artisti. Le diversità culturali ed artistiche sono una risorsa da preservare ma soprattutto da promuovere e condividere.

Più di sessanta opere in esposizione tutte di grande impatto narrativo, dieci gli anni sintetizzati nell’arco temporale del decennio 2007-2016 particolarmente intensa è la suggestione degli ultimi lavori. “Emozioni cristallizzate, ricordi sospesi in un equilibrio informale astratto che nulla raccontano di diverso da ciò che sono e da ciò che significano: solo se stessi.”

La mostra è ad ingresso gratuito e sarà visitabile fino al prossimo 21 giugno 2016 nei seguenti giorni ed orari: Lunedì-Sabato h.10.30-18.30; Domenica e festivi h. 10.00-13.30

Info e prenotazioni gruppi: marina.defeo@virgilio.it