SOPHIA LOREN: un’ ICONA del cinema mondiale 2°parte

Nel 1956, Carlo Ponti, con grande abilità, la lancia sul
mercato americano, facendola recitare, in lingua inglese, accanto agli attori più famosi, in film che otterranno uno
straordinario successo internazionale:

– “IL RAGAZZO SUL DELFINO” , diretto da Jean Nebulesco, con Alan Ladd e Clifton Webb
– “LA BAIA DI NAPOLI”, con Clark Gable e V. De sica
– “ORGOGLIO E PASSIONE” di Stanley Kramer con Gary
Grant e Frank Sinatra
– “DESIDERIO SOTTO GLI OLMI” con Anthony Perkins
– “UN MARITO PER CINZIA “, insieme a Gary Grant, con
cui aveva avuto un breve flirt ( come ammette lei stessa)
– “TIMBUCTU'” con John Wayne
– “LA CHIAVE” con William Holden
– “ORCHIDEA NERA” di Martin Ritt, con Anthony Quinn, che le vale, alla Mostra Annuale di Venezia, la Coppa Volpi
come miglior interprete femminile.
– “IL DIAVOLO IN CALZONCINI ROSA”, un western diretto
da George Cukor, che racconta le avventure di una
compagnia teatrale di girovaghi, interpretato con Anthony
Quinn, Margareth O’Brien e Steve Forrest
– “LA MILIARDARIA”, tratta dalla commedia di G.Bernard
Show , interpretata con Peter Sellers e V. De Sica.

sofia loren.jpg2

Nel 1960, Sohia Loren vince l’OSCAR , come miglior attrice protagonista, per “LA CIOCIARA”, tratto dal romanzo omonimo di Alberto Moravia , con la regia di Vittorio De Sica , ottenendo così la definitiva consacrazione dell’industria. cinematografica e del pubblico americani.

Dopo la vittoria dell’Oscar, la sua attività si sdoppia
intelligentemente tra personaggi tradizionalmente italiani
o spiccatamente napoletani da un lato e personaggi
romanzeschi tratti dalla tradizionale letteratura internazionale.
Tra i film in cui spiccano personaggi femminili tipici della
nostra tradizione popolaresca, sono rimasti memorabili:
– “LA DONNA DEL FIUME”, del 1954, diretto da Mario
Soldati con la sceneggiatura, tra gli altri, di Giorgio Bassani
e P.P. Pasolini, che citiamo solo ora perché in questo film
la Loren ha interpretato il suo primo importante ruolo
drammatico , dando prova di quella grande capacità interpretativa che la porterà all’Oscar.
– “IERI, OGGI, DONANI , di Vittorio De Sica , di nuovo in
coppia con Marcello Masteoianni, film che, nel 1965,
vince l’OSCAR come miglior film straniero .
– “MATRIMONIO ALL’ITALIANA”, tratto dalla commedia
di Eduardo Filippo “Filumena Marturano” , in cui l’ attrice
lavora di nuovo sotto la direzione di De Sica, in coppia
con Mastroianni.
– “LA RIFFA”, episodio diretto da De Sica, tratto dal film
“BOCCACCIO ’70”
– “C’ERA UN VOLTA “, diretto da Francesco Rosi e interpretato con Omar Shariff e Dolores del Rio, del 1966
– “I GIRASOLI”, diretto da De Sica con l’immancabile
Mastroianni , del 1970
– “LA MOGLIE DEL PRETE”, diretto da Dino Risi , con
Mastroianni, del 1970
– “UNA GIORNATA PARTICOLARE”, di Ettore scola, con
Marcello Mastroianni, film indimenticabile, ambientato in
un appartamento romano ,durante una calda domenica
estiva, mentre imperversa uno storico discorso di
Mussolini.

De Sica

Tra i numerosi film in cui la Loren viene diretta da registi
americani, ricordiamo i più significativi:
– “EL CID”, diretto da Anthony Mann, con Charlston Heston
– “ARABESQUE” di Stanley Donen, con Gregory Peck
– LADY L, diretto da Peter Hustinov, con Paul Newman,
David Niven, Philippe Noiret

paul newman
– “IL COLTELLO NELLA PIAGA”, di Anatole Litvak con
Anthony Perkins
– “OPERAZIONE COSSBOW
– “JUDITH”
– “LA CADUTA DELL’IMPERO ROMANO”, per la regia
di Anthony Mann, con un cast stellare, che comprende
Stephen Boyd, Alec Guinness, Christopher Plummer,
James Mason, Omar Shariff
– “LA CONTESSA DI HONG KONG”, diretto e prodotto
da Charlie Chaplin, con Marlon Brando
– “L’UOMO DELLA MANCHA”, tratto da Cervantes. con
Peter O’Toole, del 1972
– “CASSANDRA CROSSING” con Richard Harris, Ava Gardner, Martin Sheen, Burt Lancaster, Ingrid Thulin 1976
– “THAT’S AMORE” , Due improbabili seduttori, con Jack Lemmon e Walter Matthau
– ” NINE”, diretto da Rob Marshall, film musicale ispirato
all’omonimo musical di Brodway, che si rifà a sua volta a
“Otto e Mezzo” di Fellini, e interpretato da un favoloso cast
che comprende, oltre a Daniel Day-Lewis nella parte di
Fellini, Penelope Cruz, Nicole Kidman , Judy Denche,
Marion Cotillard.

Dopo aver passato in rassegna la sua sfolgorante carriera, non possiamo non augurare a questa donna e attrice
straordinaria di continuare a partecipare agli avvenimenti
riguardanti il mondo dello spettacolo, che la vedono spesso
presente come ospite d’onore e ricordiamo ai lettori che
l’American Film Institute l’ha recentemente collocata
al ventunesimo posto nella lista delle 25 più grandi star
femminili di tutti i tempi.

Bibliografia
– Storia del Cinema Vol IV, Vallardi 1967
– Dizionario dei film, UTET 1996
– Le immagini sono tratte da Google

Fernanda Zuppini

Per la prima parte, ed altri articoli e storie su Sophia Loren clicca qui