per i Pezzulli di Luciana Pennino: Potenza della natura

La scorrazzata mi ha affamato che non resisto un passo in più. Devo mangiare e riposare…

Accosto il mio didietro a un muretto, ci salto su come una trota e tiro fuori dal bouquet qualcosa da bere e da mangiare.

Un morso d’estate e un sorso di cielo mi danno ristoro. Da lontano mi arriva alle orecchie un suon di gelsomini, e in un tuffo mi trovo a ripensare al concerto per orchidee e cactus a cui ho assistito il mese scorso. Tutti noi del pubblico sedevamo sulle nuvole, e per fortuna non minacciò nemmeno una goccia di pioggia, mentre l’orchestra suonava nel laghetto delle papere… un successone!

Tra un ricordo e un sospiro, m’incanto a veder le lucciole caracollare a pelo d’acqua. Tutt’assorta, non noto sin da subito la frotta di frutti che mi si avvicina: stranieri in visita, si capisce. Riconosco l’ananas, il mango, la papaya e l’avocado. Mi chiedono se, per favore, posso scattar loro una foglia, per ricordo. Con piacere, dico io, e scatto una foglia di alloro, per sicurezza un’altra, sia cortese, e scatto una foglia di fico. Grazie, ma grazie a voi, e buon divertimento nella nostra conchiglia!

Ritorno a me e vedo che, invece delle lucciole, ora c’è una galassia di pezzetti di sole, che fruscianti si rinfrescano, lumeggiando tutto il mare. Mentre guizzano come petali, sento il rintocco della libellula. Son le 5, e nell’istante preciso del quinto tocco, un coro di fulmini intona un inno. Per la sorpresa, mi spavento e perdo l’equilibrio, ma per fortuna, una stella civettuola e una luna in ghingheri, che passan nei miei pressi, mi sorreggono, evitando così ch’io caschi giù come un tramonto. Come avrei fatto senza di voi?! E un arcobaleno mi si allarga sul volto per ringraziarle. Ma di nulla, e le loro gote diventano appetitose come un’onda.

«Ehi! Senti! Svegliati!!! Stai attenta perché rischi di cadere dal muretto…»

«Oh, sì… beh, grazie… devo essermi appisolata senza accorgermene.»

«E ora cadevi pure, senza accorgertene!»

«Sai cosa? Ne sarebbe valsa la pena. Ho fatto un sogno così bislacco che un ruzzolone finale sarebbe stato un felice sollazzo!»

Luciana Pennino

“Felicità è trovarsi con la natura, vederla, parlarle.” (Lev Tolstoj)

A proposito dell'autore

Luciana Pennino

Il mondo e la gente mi incuriosiscono assai. Sono "leggera" nella scrittura e mi diverto nel fare ciò che mi appassiona. Penso che nulla sia più disarmante della gentilezza. Il mio esordio, nel 2017, è stato con "Primule fuori stagione" (Iuppiter Edizioni). Per Napoliflash24 pubblico settimanalmente i "Pezzulli" e curo le rubriche di interviste "La Bellezza salverà Napoli" e "Tips for Startuppers".

Post correlati