Due persone sono state deferite all’autorità giudiziaria, a Napoli, per gestione illecita di rifiuti pericolosi e violazione della normativa sulla sicurezza dei lavoratori. L’operazione è stata condotta dagli agenti della polizia locale, unità operativa di tutela Ambientale, che sono intervenuti in seguito alla segnalazione di alcuni residenti di via Filippo Maria Briganti, i quali avevano segnalato la presenza di due persone intenti a demolire lastre di amianto, precedentemente divelte dal tetto di una pensilina.

Gli agenti hanno delimitato l’area e richiesto l’intervento dell’Asl. Ai responsabili è stata ordinata l’immediata messa in sicurezza del luogo con l’isolamento sia delle lastre ancora intere, sia dei cumuli di macerie scaricati al suolo: misti tra rifiuti di demolizione ed i frammenti che i due soggetti avevano tagliato in parti piccole per più facilmente smaltirli illecitamente. Il cantiere è stato sottoposto a sequestro e le persone sorprese a lavorare, unitamente al committente, sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria.