Il Napoli, una delle società sportive più note e seguite in Italia durante il campionato italiano di serie A, vanta senz’altro una grande tifoserie allo stadio e per altro ha dei simboli veri e propri per sostenere la squadra del cuore nella propria città, ma anche durante le trasferte in altre regioni italiane o all’estero.

Le sciarpe e le bandiere del Napoli sono sicuramente un vero e proprio “must have” quando si gioca nello stadio San Paolo,  naturalmente  però non possono mai mancare neppure quando ci sono degli incontri calcistici al di fuori della Campania. Non dimentichiamoci neppure i cori da stadio dei tifosi napoletani: quante volte vi siete ritrovati tra gli spalti a cantare a squarciagola i canti del Napoli? Ecco, queste tre cose vanno sempre a braccetto quando si parla di tifoseria del Napoli!

Per chi non lo sapesse, la tifoseria napoletana affonda le sue origini agli anni Sessanta e l’anno scorso, addirittura, è diventata la quarta squadra italiana più importante per il numero di persone che la seguono e sostengono, mentre che a livello internazionale, la nostra squadra partenopea è seguita da circa 6 milioni di tifosi sparsi qua e là per il mondo.

Tra le bandiere che molto spesso si vedono sventolare tra gli spalti, ve ne sono alcune che non possiamo far finta di dimenticare: oltre a quella con i classici colori della squadra, vi è pure quella che ritrae il volto di un noto personaggio del calcio napoletano ovvero Diego Armando Maradona e quella del capotifoso Pasquale D’Angelo, morto a causa di un malore in Russia, a Mosca, durante una partita del Napoli per l’Europa League.

Non dimentichiamoci, però, che queste non sono le uniche due bandiere sventolate dai napoletani: molto spesso, difatti, si vede spuntare la bandiera del Regno delle Due Sicilie, stendardo che è stato più volte sotto la lente d’ingrandimento per il suo significato. Pensate che a volte, però, molte bandiere sono sequestrate all’ingresso dello stadio, ma molte altre riescono comunque a far capolino tra le curve della tifoseria, perché oramai sono un vero e proprio simbolo della squadra degli azzurri.

Ad ogni modo, i colori che caratterizzano il Napoli Calcio sono l’azzurro ed il bianco, anche se i primissimi stemmi della squadra avevano pure del giallo della “N” del Napoli; ciò è rimasto così siano al 2002, anno in cui lo stemma venne definitivamente cambiato lasciando spazio solo ai colori dell’azzurro e bianco. Anche per quanto concerne la tenuta da gioco – e quindi le maglie e le felpe che molti tifosi indossano durante il tifo allo stadio San Paolo – sono di colore azzurro. Non possiamo fare a meno di menzionare anche il rosso, che dagli anni Sessanta fu una tinta utilizzata ciclicamente durante la storia del Napoli Calcio.

Quello che accomuna i tifosi del Napoli non è tanto la provenienza sociale, bensì la passione per qualcosa che suscita forti emozioni: quindi, sia che si tratta di individui provenienti dai rioni popolari sia che si tratta di persone appartenenti ai quartieri della Napoli per bene, tutti tifano la squadra di calcio esponendo bandiere, stendardi, sciarpe e quant’altro, per incitare al meglio i giocatori in campo.

E voi, quando gioca la vostra squadra del cuore, come andate allo stadio?