E’ partita ufficialmente oggi l’istallazione delle telecamere a bordo delle ambulanze e questa mattina è entrata in servizio la prima dotata di controllo interno. “Oggi abbiamo messo in servizio la prima ambulanza pienamente attrezzata per il controllo esterno – ha spiegato il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca – per il controllo interno e con un pulsante di collegamento con le centrali della polizia e dei carabinieri, oltre che con un sistema di geolocalizzazione per cui sappiamo in ogni istante dov’è l’ambulanza e da dove chiede soccorso. Abbiamo garantito condizioni ottimali di sicurezza per il nostro personale“. Alla consegna della prima ambulanza videosorvegliata questa mattina, oltre al governatore De Luca, era presente il direttore generale dell’Asl Napoli 1, Ciro Verdoliva. L’inziativa è volta a rendere sicuri i mezzi e il personale a bordo, dopo le aggressioni ai medici delle ambulanze.

Inoltre a bordo di ogni ambulanza ci sarà un operatore dotato di bodycam, una telecamera integrata nella giacca che gli permetterà di riprendere tutto quello che accade. Tutte le 19 ambulanze del 118 dell’Asl Napoli 1 saranno ora attrezzate con questi sistemi di sicurezza.Ieri sera intorno alle 19 si è verificata una nuova aggressione al personale sanitario a Napoli, si tratta dell’11esimo episodio dall’inizio dell’anno. Prese di mira con minacce in corsia e poi aggressioni nel parcheggio dell’ospedale, due infermiere dell’ospedale Cardarelli. La denuncia è stata resa nota dall’associazione ‘Nessuno tocchi Ippocrate’. Sembra che a scatenare l’ira del parente di un paziente sarebbe stata la distribuzione delle terapie e gli orari di visita.