Si è ripetuto il ‘miracolo di San Gennaro’. L’annuncio è arrivato, dal cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli, che ha dato notizia del prodigio della liquefazione del sangue del santo poco dopo le ore 18. La cerimonia è avvenuta senza la tradizionale processione delle reliquie cancellata a causa del maltempo.

Il miracolo di maggio è il primo, in ordine cronologico, dei tre miracoli della liquefazione del sangue di San Gennaro atteso ogni anno insieme a quelli del 19 settembre e del 16 dicembre. “San Gennaro ha voluto mostrare ancora una volta che ci vuole bene, vuol bene a Napoli, a tutti noi. Il sangue innocente grida vendetta al cospetto di Dio”, ha dichiarato Sepe con un chiaro riferimento al ferimento di Noemi, la bimba colpita durante una sparatoria di camorra.