Si è aperta, lunedì 17 febbraio, una settimana ricca di spettacoli per il  teatro Augusteo, con lo show scritto e interpretato da Giovanni Scifoni “Santo Piacere, Dio è contento quando godo” per la regia di Vincenzo Incenzo. Sulle orme del grande successo della passata stagione, è tornato l’eclettico artista Giovanni Scifoni con una rappresentazione in cui l’artista ha voluto porre fine all’eterno conflitto tra Fede e Godimento e fare luce su una verità definitiva e catartica, dove l’anima possa ruzzolarsi sovrana nel sesso e il corpo finalmente abbracciare l’amore più puro, in grazia di Dio. Così l’artista ha trascinato l’audience travolgendola in una vasta gamma di emozioni, dalle risate alle lacrime di commozione.

Si prosegue mercoledì 19 alle ore 21:00 con “Tango Fatal”. Tango Fatal è una compagnia internazionale di Tango diretta da Guillermo Berzins, ballerino e coreografo argentino di fama mondiale, che ci coinvolgerà nello spettacolo Tango y Amor, assieme alla sua sensuale ballerina dalla grande capacità tecnica ed interpretativa Marijana Tanaskovic. Lo spettacolo, di forte impatto emotivo, con oltre 13 artisti in scena, fa rinascere e vivere sul palcoscenico le sensuali e misteriose atmosfere di Buenos Aires, riuscendo a mantenere un’ambientazione astratta e sospesa nel tempo, sempre attuale e moderna, dove il ballo, elemento principe e fondamentale, si fonde armoniosamente con la musica suonata da musicisti d’eccellenza diretti dalla concertmaster Oksana Peceny. Interpretando le romantiche e drammatiche note dei più famosi tanghi composti, e coniugando i ritmi di diverse epoche tanguere, a partire dall’energia contagiosa del folklore argentino con i suoi gauchos con bombos e boleadoras per giungere a spettacolari coreografie contemporanee, Tango Fatal è una promessa di irresistibile seduzione!

A concludere una settimana piena di emozioni e di spettacoli per il teatro di piazzetta duca d’Aosta, saràTartassati dalle tasse” di Eduardo Tartaglia con Biagio Izzo che venerdì 21 febbraio, inaugura il week end e prosegue con repliche fino al 1 marzo. 

Innocenzo Tarallo, napoletano di 54 anni ben portati, è un imprenditore nel settore della ristorazione, il classico “self made man” che da nipote e figlio di baccalaiuolo si ritrova orgoglioso proprietario di un ristorante internazionale di Sushi all’ultima moda. Dopo tanti sacrifici, avrebbe voluto godersi un po’ la vita, magari anche grazie a qualche piccola ‘furbizia’ di contribuente, ma si ritroverà in balia di mille peripezie e problemi, costretto a risolvere il quesito che angustia la stragrande maggioranza degli italiani: come è possibile che due parole che da sole evocano così tanta bellezza, “Equità” e “Italia”, unite si contraggono dolorosamente come chi è in preda alla più dolorosa delle coliche addominali?

Per informazioni e biglietti:

TEATRO AUGUSTEO

P.tta duca d’Aosta 263 – Tel. 081414243 – 405660 – Fax 400045

http://m.teatroaugusteo.it