Dopo la tempesta arriva sempre il sereno, probabilmente in questo caso non è proprio così ma tornare a quella che è una parvenza di normalità può essere un primo importante passo. Gli effetti della pandemia mondiale non potevano risparmiare lo sport ed il calcio di conseguenza, una stagione che sembrava compromessa sta per riaccendere i motori e se non ci sarà nessuna spiacevole sorpresa avrà il suo epilogo in piena estate, ad agosto. Abitudini ed orari stravolti, stadi vuoti, controlli ed attenzioni scrupolosi, ma la giostra non può fermarsi, era ovvio, ne va di un intero sistema. Sì, per soldi, e non c’è nessuna vergogna a dirlo, il calcio è un’autentica azienda che muove fiumi di soldi con centinaia di attività (e quindi forza lavoro) correlate. Forza e coraggio, si parte!

Il Napoli, a proposito di sereno, sembra un gruppo ritrovato, lontano parente di quello che tra fine 2019 ed inizio anno è stato teatro di polemiche, ammutinamenti, risultati negativi e chi ne ha più ne metta, culminati tra l’altro con l’esonero di Ancelotti. Gattuso sembra fin qui abbia fatto un lavoro straordinario, la squadra stava raccogliendo già i frutti attraverso prestazioni convincenti, solide e risultati positivi; i ragazzi hanno mostrato durante la quarantena di non aver smarrito lo smalto ed attraverso i social si sono divertiti a postare immagini delle loro sessioni di allenamento. E poi, tra tante voci di mercato, quella che era la notizia più attesa, la permanenza dell’idolo assoluto della torcida azzurra, quel Dries Mertens, per tutti “Ciro“, entrato nel cuore di una città non solo per meriti sportivi. Ed attorno al belga si punta a rinforzare una squadra che non si smantellerà come artate e destabilizzanti malelingue hanno prospettato: Meret, Zielinski e Fabian Ruiz rimarranno in maglia azzurra ed anche per il gigante senegalese Kalidou Koulibaly sembrano riaprirsi spiragli di fiducia. Scontati invece sembrano gli addii di Callejon (in scadenza e con il richiamo della patria) e Allan; il carioca non è più tornato sui suoi straordinari standard di rendimento dopo le voci di un interessamento del Psg con conseguenti pause di riflessione, cali di rendimento e liti con parte della società… D’altronde anche Gattuso, spesso e volentieri, ha fatto a meno delle sue prestazioni; porterà tanti soldi nelle casse della società, questo è certo!

Intanto è stato ufficializzato il calendario della Serie A che partirà con i recuperi della sesta giornata di ritorno, tra il 20 e il 21 Giugno; gli azzurri invece “esordiranno” martedì 23 al Bentegodi alle 19:30 contro il Verona del nuovo acquisto partenopeo Rrahmani, i casi della vita… Saranno 7 le gare in questo insolito orario mentre due saranno gli incontri, casalinghi, fissati addirittura alle 21:45 e cioè Napoli-Roma (domenica 5 luglio) e Napoli-Milan (una settimana dopo). Le ultime tre giornate in programma il 26 luglio, il 29 ed il 2 agosto non hanno ancora orari stabiliti.

Eccoli di seguito gli appuntamenti del Napoli:

Martedì 23 giugno 19.30 VERONA-NAPOLI Domenica 28 giugno ore 19.30 NAPOLI-SPAL Giovedì 2 luglio ore 19.30 ATALANTA-NAPOLI Domenica 5 luglio ore 21.45 NAPOLI-ROMA Mercoledì 8 luglio ore 19.30 GENOA-NAPOLI Domenica 12 luglio ore 21.45 NAPOLI-MILAN Mercoledì 15 luglio ore 19.30 BOLOGNA-NAPOLI Domenica 19 luglio ore 19.30 NAPOLI-UDINESE Mercoledì 22 luglio ore 19.30 PARMA-NAPOLI