telomere-caps

Immagine al microscopio dei telomeri (parte bianca)

Gli scienziati del Salk Institute in California hanno scoperto all’inizio di settembre un interruttore delle cellule che le stimola a dividersi durante le generazioni e a non invecchiare. La cura cellulare è molto utile, per esempio, per rigenerare nuovi polmoni o tessuti del fegato anche in età avanzata, per un cosiddetto invecchiamento sano.

La maggior parte delle cellule umane non possono dividersi all’infinito, con ogni divisione, un telomero (un cronometro cellulare alle estremità dei cromosomi) si accorcia. Quando questo accade gli organi e tessuti degenerano, come accade in età avanzata normalmente.

Ma c’è un modo per aggirare questo conto alla rovescia: alcune cellule producono un enzima chiamato telomerasi, che ricostruisce i telomeri e permette alle cellule di dividersi indefinitamente.

“Gli studi precedenti avevano suggerito che, una volta assemblata, la telomerasi è disponibile ogni volta che si vuole”, riferisce l’autore senior Vicki Lundblad, professore e titolare di Salk di Ralph S. e Becky O’Connor Chair. “Siamo sorpresi di scoprire, invece, che la telomerasi è in sostanza un interruttore controllabile.” La scoperta aiuterebbe nei trattamenti per le malattie negli anziani (per esempio, rigenerare organi vitali).

Lundblad e il dottorando Timothy Tucey hanno condotto i loro studi iniziali sul lievito Saccharomyces cerevisiae, lo stesso lievito usato per fare il vino e il pane. Il gruppo di Lundblad ha usato questo semplice organismo unicellulare per rivelare numerose intuizioni circa la telomerasi e gettare le basi per la sperimentazione sulle cellule umane.

“Volevamo essere in grado di studiare ogni componente della telomerasi, ma non è stato un compito semplice”, ha detto Tucey. Così ha sviluppato una strategia che gli ha permesso di osservare ogni componente durante la crescita e divisione cellulare ad altissima risoluzione, portando ad una serie imprevista di scoperte su come e quando questa macchina genetica.
I telomeri nelle cellule cancerogene però non si erodono, al contrario, la loro proliferazione aumenta per garantire la divisione per l’ingrandimento della massa tumorale. L’interruttore scoperto da Tucey e Lundblad potrebbe aiutare anche in questo caso a rallentare la proliferazione di cellule tumorali.

Moving Forward

A proposito dell'autore

Naples, Italy
Google+

Diplomato presso un liceo scientifico e laureando in scienze della comunicazione, mi occupo di scrivere articoli scientifici, condurre podcast radiofonici, organizzare gruppi di persone per il conseguimento di progetti, fare da relatore su tematiche come Open Source e tecnologie positive per la società umana, ho realizzato una stampante 3D ed ora mi occupo di elaborare per conto di altri campagne di crowdfunding e mi sto specializzando nel settore dell'E-Learning.

Post correlati