Al termine di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Nocera, le Fiamme Gialle della Compagnia di Scafati di Salerno hanno scoperto una stamperia di banconote false. Le banconote, che erano in corso di produzione, erano tutti pezzi da 50 euro con all’interno l’immagine della filigrana, ovvero il particolare filo visibile solo se messo il controluce.
L’attività occulta si sarebbe svolta tra due capannoni industriali nell’area di Castellammare di Stabia e Torre Annunziata (Napoli) con l’intento di fruttare un bottino di più i 50 milioni di euro.
La Guardia di Finanza di Salerno ha scoperto il denaro dietro un finto mobile di legno e in un vano creato nel pavimento, apribile tramite telecomando, invece per quanto riguarda le attrezzature per la stampa delle banconote, è emerso durate le attività investigative, che erano tenute all’interno di una ditta specializzata in scarichi ambientali.
I finanzieri del Comando Provinciale Salerno, in collaborazione con quelli del Comando Provinciale di Napoli hanno infine sequestrato 5 macchine da stampa , molti clichè e pellicole trasparenti.
Coinvolte nella attività illecita 5 persone, più precisamente 3 si occupavano di manovrare le macchine industriali utilizzate nella stampa, mentre gli altri 2 (fratelli) erano le menti del piano, e proprietari della società di scarichi ambientali.