E’ stata sequestrata nel Comune di Volla, in provincia di Napoli, una discarica abusiva. Le fiamme gialle hanno individuato su di un’area di 3 mila metri quadri circa 300 tonnellate di rifiuti speciali. I finanzieri di Torre Annunziata hanno scoperto che sull’area, di proprietà di due coniugi napoletani, erano edificati capannoni e collocati numerosi container. I coniugi, che dovranno rispondere del reato di gestione illecita di rifiuti, percepivano canoni di locazione in nero da parte di terzi soggetti, cittadini di origini africane, i quali depositavano, all’interno dell’area e nei container rinvenuti, rifiuti di vario genere, in alcuni casi anche destinati all’esportazione, quali beni usati.

Le attività ispettive hanno consentito di rinvenire il materiale illecitamente stoccato, si tratta di rifiuti speciali e pericolosi: indumenti usati non igienizzati, elettrodomestici e scarti derivanti dalla riparazione di automezzi, in parte depositati sul suolo ed in parte stipati all’interno dei suddetti container e nei capannoni, detenuti in assenza di qualsiasi autorizzazione alla gestione dei rifiuti. Nel corso dell’accertamento sono stati trovati autoarticolati privi di targa, carichi di scarti tessili ed elettrodomestici, per i quali gli stessi non sono stati in grado di esibire alcuna documentazione. L’operazione costituisce un ulteriore importante risultato raggiunto dalla Guardia di Finanza di Napoli, impegnata quotidianamente a presidio del territorio della provincia partenopea nel contrasto al fenomeno della proliferazione di discariche abusive ed a tutela della salute della collettività