La visita avrà inizio dalla collina di San Martino e, attraverso la Pedamentina, lunga scalinata caratterizzata da alcuni tra i più bei scorci dello skyline partenopeo che, con i suoi 414 gradini, rappresenta il primo tratto del percorso che collega il castello al centro storico della città, raggiungeremo Corso Vittorio Emanuele. Voluto in età borbonica per collegare la zone di Mergellina con il Vomero attraverso un unico asse viario, può essere considerata la prima tangenziale della città. Da qui ci dirigeremo verso la città bassa attraverso vie poco conosciute, scoprendo le origini toponomastiche di strade come via Olivella, via Ventaglieri, Montesanto e la storia di palazzi dal passato grandioso, come il palazzo Spinelli di Tarsia. L’itinerario si
concluderà con la visita al Complesso di San Giuseppe delle Scalze a Pontecorvo, dove saremo accompagnati dagli operatori de le Scalze, un coordinamento di laboratori socioculturali di cittadinanza attiva che organizza una serie di attività ludico-ricreative, mostre o rappresentazioni dedicate soprattutto agli abitanti del quartiere negli spazi che altrimenti rimarrebbero inutilizzati. L’edificio fu costruito nel 1619 occupando l’area di palazzo Spinelli ed ebbe un importante rifacimento ad opera di Cosimo Fanzago che lo rese un capolavoro del barocco napoletano. Il complesso fu purtroppo fortemente danneggiata dal terremoto del 1980, che fece crollare il tetto, la chiesa fu depredata di molti arredi sacri e decorazioni, come marmi e balaustre.

Martedì 25 aprile ore 10.30

Scendendo la collina di San Martino, dalla Pedamentina alla Complesso di San Giuseppe delle Scalze a Pontecorvo

Programma

Ore 10:30 Appuntamento con gli operatori SIRE COOP presso largo San Martino, Napoli

Itinerario fino alla chiesa di San Giuseppe delle Scalze (salita Pontecorvo)

ORE 12:30 Conclusione delle attività

Il contributo è comprensivo di sottoscrizione per il complesso di San Giuseppe delle Scalze a Pontecorvo

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti).

Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.

INFO E PRENOTAZIONI: 392/2863436 – CULTURA@SIRECOOP.IT