« E’ la scuola dei bambini, forse dei vostri fratellini. E’ anche vostra. Che senso ha tanto accanimento?»

Solombrino,presidente della municipalità, è stato costretto ad appellarsi a qualsiasi forma d’autorità :carabinieri di San Pietro a Patierno, polizia municipale di Capodichino, commissariato di Secondigliano, chiedendo un aiuto per gli atti vandalici che stavano avvenendo in questo ultimo periodo nell’asilo Santa Caterina da Siena, via Principe di Napoli, parco d’Aquino. La scuola è stata protagonista, più volte, di una serie d’azioni di devastazione che hanno portato su tutte le furie, le mamme dei bambini che frequentano l’istituto , a tal da voler rivolgere un appello attraverso la stampa. Dopo questa dichiarazione gli atti si sono placati di botto, come mai? A distruggere la scuola non erano rapinatori professionisti ma bambini di circa 10 anni, che per timore della situazione che si era venuta a creare, hanno deciso di non ”rifarlo più”.

Il commissariato di Secondigliano precisa che nulla è stato rubato se non qualche pastello o dei cartoncini, ma sono stati fatti seri danni all’impianto di riscaldamento, e distrutta una nuova fotocopiatrice, tutti atti che non miravano al rubare, ma al “divertimento della distruzione”.
Per ora si è sulle traccie dei piccoli malviventi, e si spera che per quanto sia piccola la zona, si possono identificare subito.