Probabilmente il più brutto Napoli della stagione riesce a strappare un pareggio al Mapei Stadium a pochi minuti dal termine. Il Sassuolo era andato in vantaggio ad inizio ripresa grazie a Berardi.

OSPINA 6: poco sollecitato in gara, non ha colpe sul gol.

MALCUIT 6,5: uno dei meno peggio, tenta più di una volta lo strappo sulla fascia destra e dietro è determinante in una chiusura in diagonale per evitare che un avversario possa battere a tu per tu con Ospina.

CHIRICHES 6: elegante ed autoritario quando sale per anticipare gli avversari fino a metà campo. Mette minuti nelle gambe in vista della gara in Austria. L’altro tempo lo gioca LUPERTO 6, anche lui in odore di titolarità per giovedì in Europa League, cerca di trovare ritmo e automatismi. Non eccelle ma non fa disastri, nel recupero molto bravo in un intervento ad intercettare una palla filtrante che avrebbe messo un attaccante del Sassuolo solo davanti al portiere.

KOULIBALY 6: soffre anche lui i movimenti degli indiavolati avanti emiliani. Mette una pezza dove può.

GHOULAM 5,5: ha il merito del cross che, controllato male da Magnanelli, favorisce la rete di Insigne. Però è davvero lontano dalla forma ottimale e soprattutto nella testa deve recuperare tanta autostima.

OUNAS 5,5: in un primo tempo che lascia presagire la serata poco felice, sembra il più in partita. Parte palla al piede a velocità supersonica e semina gli avversari in maniera strepitosa, però pretende troppo ed esagera sbagliando quasi sempre la scelta. Esce per YOUNES 6 che si rivede a sorpresa in campo dopo diversi mesi, tanto movimento, molta volontà ma poche occasioni per incidere.

DIAWARA 5,5: lascia a desiderare il centrale azzurro, fa soltanto cose elementari e quando cerca un calcio un po’ più complicato, ricercato, sbaglia miseramente. Un suo tiro da fuori per poco non sorprende Pegolo che mette in angolo.

ALLAN 4,5: da migliore in campo quasi sempre, a peggiore della compagnia nel brutto pomeriggio di Reggio Emilia. Sbaglia i passaggi, non vince i contrasti e, suo malgrado, è protagonista in negativo nell’azione del vantaggio neroverde. E poi aggiungici il cartellino giallo che per poco non diventa rosso nel finale.

VERDI 5: gli capita un pallone d’oro ma non capitalizza tirando alto. Poi quasi più nulla, un fantasma. Esce per MILIK 5,5 che consente alla squadra di avere maggiore peso, più convinzione e soprattutto una presenza più consistente all’interno dell’area avversaria. Il polacco non disdegna di abbassarsi per giocare con la squadra ma un suo tocco errato aziona un pericoloso break avversario.

INSIGNE 6: prestazione orribile, irritante. Non incide, non inventa, non conclude, fino al minuto 85, quando disegna un arcobaleno che ammutolisce i supporters del Sassuolo. Ed è un segnale positivo per il futuro immediato.

MERTENS 5: scompare dal campo per tantissimi minuti all’interno della gara. Nel primo tempo può involarsi verso Pegolo ma si fa fermare da un avversario nel disperato tentativo in tackle. Non calcia mai in porta e nemmeno inventa assist.

ANCELOTTI 5: l’obiettivo stagionale è chiaro: riuscire nell’impresa europea sarebbe un gran colpo. Però, aldilà delle rotazioni, non deve permettere ci siano prestazioni di tale mediocrità.