Questa è stata la legislatura più complessa della Repubblica con cambiamenti imprevedibili“. Lo ha detto il Segretario Provinciale del Pd Marco Sarracino intervenendo in trasmissione su Radio Crc Targato Italia.

Sarracino ha commentato la situazione del partito: “Zingaretti è stato eletto due anni fa e non ha avuto tempo per dedicarsi al progetto. Si è trovato pochi mesi dopo la sua elezione con la crisi del Governo gialloverde, poi è arrivata la pandemia. Mi auguro che Enrico Letta possa intestarsi come Pd l’agenda che il Governo deve mettere in campo sul fronte dell’emergenza sanitaria-economica. Bisognerà avviare un progetto di rinnovamento del partito“.

Per le comunali il leader dei Dem napoletani dichiara: “Ho sempre lavorato per l’unità del centrosinistra da quando sono segretario. Il primo esperimento è stata l’elezione di Sandro Ruotolo. Bisogna mettere in campo un progetto serio e largo, dalla sinistra radicale al mondo moderato. Il campo largo è successivo al programma, ad oggi il Comune non è governato tra la crisi della Giunta e quella della città stessa“.

Infine sul governatore Sarracino ha concluso: “De Luca è un compagno del mio partito, nel Pd è possibile definirsi così. I 5 Stelle sono una forza che è cambiata e con cui lavoriamo per un progetto di città. Serve migliorare una sintonia con loro, dobbiamo sciogliere delle contraddizioni sui principi stessi” .