Il sistema sanitario regionale dovrebbe valorizzare le risorse di medicina territoriale, soprattutto in questo momento di grave pandemia. “Abbiamo difficoltà di accesso a qualsiasi servizio. Siamo inondati da segnalazioni di cittadini che non riescono a curarsi per altre patologie, il sistema è fermo sul Covid’’: ha dichiarato nel corso di un’intervista su Radio Crc Lorenzo Latella, Segretario regionale CittadinanzAttiva. Latella spiega poi che non c’è alcun dialogo con De Luca: “Un silenzio assordante rispetto a richieste legittime per tutelare la salute dei cittadini. Due bisogni principali: non abbandonare i pazienti cronici che sono in una condizione difficile nel loro percorso di cura e aprire il budget accreditato per smaltire le liste di attesa che aumentano da mesi. Spero che finalmente qualcuno risponda ai nostri appelli“. ‘’Esistono innumerevoli carenze e limiti del sistema, sin da marzo noi come Aspat abbiamo proposto di affiancare la struttura pubblica della rete dei laboratori di biologia molecolare con le nostre strutture private’’ spiega poi il Presidente Aspat, Pierpaolo Polizzi, che ha poi evidenziato le criticità emerse in questo secondo lockdown: “Le strutture RSA sono progressivamente desertificate. Le persone sono ferme in casa. Siamo in grandi difficoltà con i dipendenti, abbiamo enormi buchi nell’agenda lavoro“.

Infine il Presidente Aspat ha lanciato un appello al Governatore De Luca: “Non c’è interlocuzione. La petizione firmata con CittadinanzAttiva documenta l’incremento di morti non solo per Covid ma per altre patologie che non vengono curate. L’assistenza specialistica ambulatoriale è totalmente sospesa”.