Sono di San Giorgio a Cremano i giovani tra i 18 e i 20 anni accusati di violenza sessuale nei confronti di una 24 enne, già precedentemente presa di mira dai tre, gesto mai denunciato dalla ragazza. Nei confronti del branco, incastrato dalle immagini delle telecamere, è stato emesso un fermo di polizia giudiziaria con l’accusa di violenza sessuale di gruppo. Secondo quanto riferito dalla vittima non era il primo tentativo messo in atto dal branco così, l ‘altra sera, con la scusa di una sigaretta, hanno avvicinato la ragazza abusando di lei all’interno dell’ascensore che portai ai binari della Circumvesuviana. Le indagini sono state condotte dal commissariato di San Giorgio a Cremano guidato dal dirigente Pasquale Toscano e dalla squadra mobile e coordinate dal pool “Fasce deboli” della Procura, diretto dal procuratore aggiunto Raffaello Falcone.


Immediata la reazione della comunità che, attraverso i social ha manifestato indignazione. “Ieri pomeriggio una ragazza è stata assalita e violentata nella circumvesuviana – ha scritto sul suo profilo social il sindaco di San Giorgio a Cremano Giorgio Zinno – Una notizia che ha creato sgomento e paura in tutti noi. Ho sentito subito il dirigente Toscano che ha iniziato insieme agli uomini del commissariato locale una ricerca spasmodica dei criminali. Impossibile pensare che un crimine del genere avvenga nella nostra città, ancora più impensabile che nessuno veda. Grazie alla collaborazione immediata dell’Eav e del suo presidente Umberto de Gregorio , che ha collocato telecamere di sicurezza lungo tutti i percorsi della stazione avendo la responsabilità del luogo, la polizia ha potuto verificare l’accaduto e iniziare la ricerca. La bravura degli agenti coinvolti e la loro perseveranza durante tutta la notte hanno fatto sì che si arrivasse a trovare i probabili colpevoli e ad effettuare il fermo di tre persone”.


Intanto ieri i sindaci di Portici, Vincenzo Cuomo, e di San Giorgio a Cremano, Giorgio Zinno, hanno fatto visita ai familiari della vittima, assicurando loro tutto il sostegno alla giovane e ai suoi congiunti. E ieri sera centinaia di candele si sono accese per la fiaccolata che ha illuminato le vie della città dell’hinterland napoletano per dire no alla violenza e al degrado. Tante le istituzioni presenti dall’assessore alle Pari Opportunità, Chiara Marciani, ilprimo cittadino di San Giorgio a Cremano Giorgio Zinno e molti sindaci della zona.