“Non che non lo vorrei fare, non lo voglio proprio fare!” questa fu la risposta di Geppy Gleijeses quando Alessandro Siani gli propose di portare in teatro “Così parlò Bellavista”, ma fu grazie ad un intercessione di Benedetto Casillo che prese corpo il progetto, sottoposto ovviamente a colui che creò questo capolavoro, Luciano de Crescenzo che si limitò ad un semplice “aaah, finalmente!”.

Geppy Gleijeses:

Alessandro Siani:

Ormai non ci si poteva tirare più indietro, prodotto dallo stesso Siani, non più solo attore e regista, ma anche “divulgatore” della Napoletanità e grazie alla sovrintendente del Teatro San Carlo, la dott.ssa Rosanna Purchia, che l’opera debutterà proprio nel più glorioso teatro del mondo, il prossimo 26 settembre.

Rosanna Purchia:

Un impresa titanica, anche perché per la maggior parte, il confronto è con il film del 1984, ma questa è e deve essere un’opera autonoma, come ha più volte detto il regista. Tant’è vero che lo scenografo Roberto Crea, ha ricreato il “palazzo dello Spagnolo” e non il palazzo di Via Foria dove vennero girate le due famose pellicole. Le musiche saranno quelle originale di Claudio Mattone
Gleijeses scalerà di ruolo, dal genero di Bellavista, indosserà i panni del Professore, affiancato da una motivatissima Marisa Laurito nelle vesti di Maria Bellavista, riconfermato il portierato di Benedetto Casillo, mentre la fedele cameriera Rachelina sarà impersonata da Nunzia Schiano, ma sarà Salvatore Misticone colui che lavorerà di più, impersonerà ben sei personaggi, lo vedremo tra gli altri, essere “Core ngrato” e “l’uomo del cavalluccio rosso” che tutti ricordano interpretato dal compianto Riccardo Pazzaglia, insomma Misticone nei suoi velocissimi cambi d’abito, potrà rivaleggiare solo con il trasformista Arturo Brachetti.
E poi Vittorio Ciorcalo (Saverio); Patrizia Capuano; Gino de Luca, anch’egli impegnato in più personaggi; Elisabetta Mirra (Patrizia Bellavista); Gregorio Maria de Paola (Giorgio); Agostino Pannone; Ester Gatta e Brunella de Feudis. E come direbbe il professor Bellavista “e stu Cazzaniga, chi è?” il ruolo del dirigente dell’Alfa Rome è di Gianluca Ferrato.

Marisa Laurito:

Salvatore Misticone: 

Benedetto Casillo: 

Pasquale Capasso