Avrebbe incassato direttamente gli onorari dei pazienti visitati, senza emettere alcun documento fiscale al fine di non far figurare né all’azienda sanitaria, né al fisco le prestazioni effettuate. Così facendo il medico non versava regolarmente la quota, di circa il 50% delle somme incassate all’Asl. Un dermatologo 67enne di Teggiano, nel salernitano, è stato denunciato alla Procura di Lagonegro, dai finanzieri del comando provinciale di Salerno per truffa aggravata e peculato ai danni della Asl del capoluogo.

Le Fiamme Gialle di Sala Consilina hanno riscontrato diverse irregolarità da parte del professionista, nell’esercizio dell’attività intramoenia effettuata in uno studio privato in possesso di regolare permesso. Inoltre, è emerso che il dermatologo, pur essendo vincolato con il presidio ospedaliero di Polla da un rapporto di natura esclusiva, svolgeva una seconda occupazione parallela all’interno di una struttura sanitaria privata della Basilicata. Infine si scoperto che il professionista visitava presso lo studio mentre in ospedale risultava  assente giustificato per malattia.