Il progetto «NeMOMaiSolo», promosso dal Rotary Club Napoli Angioino, in collaborazione con il Distretto Rotary International 2100, i Club di Caserta Terra di Lavoro 1954, Pozzuoli, Campania Napoli, Afragola-Frattamaggiore Porte di Napoli e Marigliano “Adrianea“, si concretizza con la donazione di due cicloergometri, fondamentali per i percorsi riabilitativi delle persone con malattie neuromuscolari, al Centro Clinico NeMO di Napoli.

Il cicloergometro, che a prima vista può apparire come una cyclette, è in realtà uno strumento medicale fondamentale per la presa in carico dei pazienti con malattie neuromuscolari. Simula, infatti, la pedalata di una normale bicicletta, permettendo di monitorare e controllare con precisione lo sforzo compiuto, con un’intensità lieve o moderata a seconda della capacità funzionale residua legata alla patologia. L’esercizio fisico permette a un paziente neuromuscolare il mantenimento del trofismo muscolare, evita il decondizionamento cardiopolmonare, facilita l’espettorazione bronchiale, migliora l’ossigenazione e l’apporto sanguigno cerebrale con impatto positivo sulla neuroplasticità celebrale. A questo si unisce la raccolta dei dati utili alla ricerca scientifica e l’attenzione all’aspetto emotivo: attraverso l’esercizio fisico controllato e monitorato, la persona può valutare la sua capacità muscolare, questo tipo di trattamento supporta così il miglioramento della qualità di vita di cui il Centro Clinico NeMO si fa garante.

Il Centro Clinico Napoli, centro ad alta specializzazione per la presa in carico delle persone con malattie neuromuscolari, è frutto dell’accordo di sperimentazione gestionale pubblico-privato tra Fondazione Serena, Regione Campania e Azienda Ospedaliera Specialistica dei Colli, ed attivo dallo scorso novembre 2020. Con il suo team multidisciplinare di professionisti, le 23 camere di degenza, di cui 6 per accogliere i pazienti in età pediatrica, i tre ambulatori specialistici, la sala medica e la palestra si prenderà cura ogni anno di quasi 2.000 persone, fra bambini e adulti, con questo tipo di patologie.

«Questo dono sancisce ulteriormente il forte legame tra il Centro Clinico NeMO Napoli e lo spirito sociale della Regione Campania, ben rappresentato dal Distretto Rotary — conclude il dottor Vincenzo Pota, Direttore Clinico del Centro Clinico NeMO Napoli —. E noi non possiamo che ringraziare questa generosità continuando con impegno a prenderci cura della comunità dei pazienti».

Il Centro Clinico NeMO (Neuromuscular Omnicenter) è un centro clinico ad alta specializzazione, pensato per rispondere in modo specifico alle necessità di chi è affetto da malattie neuromuscolari e neurodegenerative come la Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), le Distrofie Muscolari e l’Atrofia Muscolare Spinale (SMA), patologie che interessano attualmente circa 40.000 persone in tutto il Paese. NeMO rappresenta un modello unico di sanità in Italia, nato dalla sinergia tra pubblico e privato-sociale, che pone al centro la persona con malattia neuromuscolare e la sua famiglia, sviluppando una presa in carico d’eccellenza e una ricerca clinica avanzata. Il Centro Clinico NeMO ha seguito nell’ultimo anno oltre 4.400 persone; dispone di 107 posti letto dedicati al ricovero e di 17 posti letto per i servizi di Day Hospital. Oggi NeMO conta sei sedi sul territorio nazionale – Milano, Arenzano (Genova), Messina, Roma, Napoli e Brescia – e le sedi di Trento e Ancona sono di prossima apertura.