I continui roghi che hanno devastato Acerra, che fa parte della “Terra dei Fuochi”, hanno spinto la popolazione a reagire in maniera decisa ma non violenta, di fatti dopo 3 giorni dall’ultimo rogo si sono auto costituite delle ronde per la sorveglianza ambientale, queste ronde spontanee hanno il compito di avvisare le forze dell’ordine nel caso in cui ci sia un avvistamento di un rogo, molto spesso tossico e quindi dannoso per la salute, sono circa una ventina di bravi cittadini interessati alla salute dei propri concittadini ed al risanamento ambientale.

E’ già stato riscontrato un successo poiché da 3 giorni non si assiste più a nessun fenomeno di inquinamento ambientale, le proteste si sono manifestate in questo modo, ma anche di fronte al municipio dove la popolazione si è rimboccata le maniche e ha deciso di prendere parte attiva al risanamento ambientale della propria città, già devastata da un inceneritore.

A proposito dell'autore

Naples, Italy
Google+

Diplomato presso un liceo scientifico e laureando in scienze della comunicazione, mi occupo di scrivere articoli scientifici, condurre podcast radiofonici, organizzare gruppi di persone per il conseguimento di progetti, fare da relatore su tematiche come Open Source e tecnologie positive per la società umana, ho realizzato una stampante 3D ed ora mi occupo di elaborare per conto di altri campagne di crowdfunding e mi sto specializzando nel settore dell'E-Learning.

Post correlati